Scritto: Giovedì, 23 Aprile 2020 15:43 Ultima modifica: Venerdì, 24 Aprile 2020 16:58

Auguri Hubble!


Il telescopio spaziale più famoso venne lanciato esattamente 30 anni fa e continua ancora a regalarci sorprendenti visioni dell'universo, tra cui questa porzione centrale della celebre Nebulosa del Granchio.

Rate this item
(0 votes)
Immagine in colori "quasi reali", pubblicata nel 2016, basata su immagini riprese tra il 2003 e il 2013 con due combinazioni di filtri visibili (verde e arancione polarizzato). La zona abbracciata misura circa 1 parsec di lato e la pulsar residuo della Supernova del 1054 è la stella in alto a destra tra le due vicine al centro. Immagine in colori "quasi reali", pubblicata nel 2016, basata su immagini riprese tra il 2003 e il 2013 con due combinazioni di filtri visibili (verde e arancione polarizzato). La zona abbracciata misura circa 1 parsec di lato e la pulsar residuo della Supernova del 1054 è la stella in alto a destra tra le due vicine al centro. Image Credit: Hubble heritage / NASA, ESA - Processing: Marco Di Lorenzo

 Era il 24 Aprile 1990 quando lo Shuttle Discovery portò in orbita "Hubble Space Telescope" (HST per gli amici), gioiello della NASA con una significativa partecipazione europea. Dopo le difficoltà e gli imbarazzi iniziali per il clamoroso difetto di lavorazione dello specchio principale, il problema fu brillantemente risolto e, grazie a cinque missioni di manutenzione in orbita, questo strumento è rimasto per 3 decenni una punta di diamante della ricerca astronomica, raccogliendo in media 15 GB di dati ogni giorno.

 A breve verrà surclassato dai nuovi telescopi spaziali JWST e WFIRST, il cui lancio è previsto, rispettivamente, tra 1 e 5 anni. Dall'ultima "servicing mission" di 11 anni fa, la sua quota si è abbassata in media 2,5 km/anno; potrebbe rimanere in orbita per altri 20-30 anni ma probabilmente le osservazioni si fermeranno molto prima. Una volta non operativo, verrà distrutto attraverso un rientro controllato in atmosfera, tramite un mini-satellite dedicato che dovrebbe decollare ed attraccarlo, non si sa ancora quando. 

https://spacetelescope.org/

https://www.spacetelescope.org/Hubble30/

http://heritage.stsci.edu/2016/26/caption.html

https://it.wikipedia.org/wiki/Telescopio_spaziale_Hubble#Decadimento_orbitale_e_rientro_controllato

https://en.wikipedia.org/wiki/STS-31

Altre informazioni su questo articolo

Read 144 times Ultima modifica Venerdì, 24 Aprile 2020 16:58
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Inte...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 4 Luglio [Last update:...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 30 Giugno [updated on Jun...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 29/6/20 - Sol 564] Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista