Scritto: Martedì, 14 Aprile 2020 09:24 Ultima modifica: Martedì, 14 Aprile 2020 10:05

Delusione Atlas!


La frammentazione del nucleo cometario è confermata e la cometa non diventerà mai visibile ad occhio nudo!

Rate this item
(0 votes)
Nel diagramma, i pallini neri indicano le osservazioni fotometriche, in blu quelle visuali. La curva grigia è un modello MPEC ormai obsoleto, le altre due curve colorate, quasi piatte, sono aggiornate e differiscono per il calcolo della luce retro-diffusa dalla chioma in prossimità del perielio. Nel diagramma, i pallini neri indicano le osservazioni fotometriche, in blu quelle visuali. La curva grigia è un modello MPEC ormai obsoleto, le altre due curve colorate, quasi piatte, sono aggiornate e differiscono per il calcolo della luce retro-diffusa dalla chioma in prossimità del perielio. Credits: Gideon van Buitenen (plot) / Nick Haigh / Institute of Astronomy NCU, Taiwan, Zhong-Yi Lin - Processing: Marco Di Lorenzo

 Lo avevamo preannunciato già 5 giorni fa ed ora purtroppo arriva la conferma: la cometa C2019/Y4, meglio conosciuta col nome ATLAS, non solo non sta aumentando in luminosità ma si sta indebolendo sempre di più e il suo nucleo si è frammentato in diversi pezzi che stanno rapidamente sublimando e scomparendo, per effetto della radiazione solare. Le ultime osservazioni visuali e fotometriche, come si vede, forniscono tutte una magnitudine intorno alla nona o anche più debole e le due immagini del nucleo, riprese a cavallo tra l'8 e il 9 (in alto a sinistra) e il 10 Aprile (in alto a destra) sono eloquenti; ieri è arrivata la conferma dall'osservatorio Lulin di Taiwan (cui si riferisce la seconda immagine) a proposito della presenza di almeno due componenti staccatesi nei giorni scorsi e situate a qualche migliaio di km dal corpo principale.

 Come si vede dal grafico, le curve che cercano di interpolare la magnitudine della cometa falliscono clamorosamente poiché ne sovrastimano la luminosità nella fase iniziale e probabilmente anche nello sviluppo futuro. Nelle settimane scorse ci si era illusi che ATLAS sarebbe divenuta ben visibile ad occhio nudo, anche in pieno giorno; adesso invece sta scomparendo prima di raggiungere il perielio... forse era solo un "pesce d'Aprile" cometario!

https://skyandtelescope.org/astronomy-news/comet-atlas-will-it-become-a-naked-eye-object/

Altre informazioni su questo articolo

Read 179 times Ultima modifica Martedì, 14 Aprile 2020 10:05
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Latest from Marco Di Lorenzo (DILO)

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 9/7/20 - Sol 574] - Meteo...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 30 Giugno [updated on Jun...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista