Print this page
Scritto: Lunedì, 06 Aprile 2020 09:05 Ultima modifica: Sabato, 02 Maggio 2020 14:12

Non era un pesce d'Aprile!


 Il 1 Aprile siamo stati nuovamente sfiorati da un asteroide di una decina di metri, a meno di 11 raggi terrestri di distanza; per un involontario scherzo, è stato rivelato solo diverse ore dopo nonostante le condizioni favorevoli.

Rate this item
(0 votes)
Non era un pesce d'Aprile! Credits: IAU/MPEC - Processing: Marco Di Lorenzo

 In alto, l'orbita dell'asteroide, praticamente tutta esterna all'orbita terrestre, con la posizione attuale; il cerchio verde indica il punto di incontro con la Terra, ingrandito in basso con la traiettoria geocentrica in verde, lievemente incurvata dalla gravità terrestre; l'orbita e la posizione della Luna sono in grigio mentre la linea rossa indica il massimo approccio e la freccia a sinistra indica la direzione del Sole

 L'oggetto si chiama 2020 GO1 e, la sera di Mercoledì scorso, è passato a circa 69000 km dal centro della Terra con una velocità relativa di 7,65 km/s. Nonostante il visitatore fosse ben visibile durante il massimo avvicinamento (magnitudine apparente inferiore e 12 ed elongazione dal Sole oltre i 150°), la scoperta è avvenuta solo il giorno dopo e l'evento appare solo da ieri sulle tabelle cneos/MPEC. Questo la dice lunga sulle falle ancora presenti nel sistema di rilevazione di eventuali imminenti impattatori, in termini di prontezza e copertura; va comunque detto che, anche se più grande della media degli oggetti che si avvicinano molto a noi, quasi certamente si sarebbe disintegrato in atmosfera senza raggiungere la superficie terrestre se non in forma di piccoli frammenti relativamente lenti e innocui. E' l'ottavo passaggio più ravvicinato negli ultimi 12 mesi, come illustrato nella nostra rubrica dedicata agli incontri con asteroidi NEO.

Altre informazioni su questo articolo

Read 262 times Ultima modifica Sabato, 02 Maggio 2020 14:12
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.