Scritto: Sabato, 07 Marzo 2020 08:47 Ultima modifica: Sabato, 07 Marzo 2020 10:19

La pericolosità di 2020 DR2


L'asteroide 2020 DR2 continua ad essere l'unico con un livello 1 sulla scala di pericolosità di Torino, ecco un aggiornamento.

Rate this item
(0 votes)
La pericolosità di 2020 DR2 Data source: NASA/JPL/cneos - Processing/Plots: Marco Di Lorenzo

 Di questo nuovo asteroide NEO/PHA (Near Earth Object / Potentially Hazardous Asteroid) abbiamo già parlato in un articolo una settimana fa; le successive osservazioni avevano fatto abbassare il livello di pericolosità dei due potenziali impatti previsti nel 2074 e nel 2081, ma le ultime misure confermano per entrambi gli eventi un livello degno di attenzione, al contrario di tutti gli altri PHA noti, la cui pericolosità viene considerata praticamente trascurabile.

 Questa situazione la si vede rappresentata nel grafico in alto, che riporta un indice (ideato dal sottoscritto) calcolato come semplice prodotto della potenza per la probabilità di impatto; tale quantità, espressa in tonnellate equivalenti di tritolo ovvero in Mton·ppm, è di fatto la stessa utilizzata nel calcolo della scala di Torino. La scala di Palermo, invece, è una scala tecnica legata al logaritmo della probabilità di avere un simile impatto da parte di tutta la popolazione NEO, da oggi fino alla data prevista (l'evento risulta tanto più significativo rispetto al "fondo" quanto più l'indice negativo si avvicina allo zero); i punti che appaiono in questo grafico sono impatti potenziali con un valore minimo pari a -6 sulla scala di Palermo, mentre la soglia sulla magnitudine assoluta è fissata a H=26 (corrispondente a dimensioni minime di 20-25 metri). Come si vede, in un arco temporale di 65 anni a partire da oggi, gli eventi associati a 2020 DR2 sono di gran lunga i più insidiosi anche se lontani nel tempo; gli altri due eventi sono associati a 1979 XB e al celebre Apophis; mentre il primo è simile a 2020 DR2 (nel senso che è un oggetto grande e veloce ma con un'orbita poco conosciuta), l'altro è grande circa la metà ma la sua orbita è molto ben rifinita, anche se non abbastanza per poter escludere/confermare un impatto nel 2068.

 I due grafici in basso indicano a sinistra la crescita del numero di osservazioni astrometriche effettuate su 2020 DR2 e dell'arco temporale da esse abbracciato, a destra la probabilità cumulativa e quella dei due singoli impatti, con i corrispondenti indici sulla scala di Palermo (scala a destra). Lo scenario più probabile è che, nei prossimi giorni, ulteriori osservazioni (eventualmente anche pregresse e ripescate dagli archivi) portino a far crollare le probabilità al punto da escludere un impatto futuro con la Terra ma c'è la anche la possibilità che l'oggetto scompaia prima dalla vista dai telescopi, entro un paio di settimane, rimanendo un potenziale futuro impattatore. In tal caso, avremmo comunque tutto il tempo per inventarci eventuali contromisure ed evitare la collisione...

 Ulteriori dettagli e aggiornamenti sulla situazione appariranno nell'articolo sopra citato e, naturalmente, sulla rubrica dedicata

Altre informazioni su questo articolo

Read 103 times Ultima modifica Sabato, 07 Marzo 2020 10:19
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Latest from Marco Di Lorenzo (DILO)

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 30 Marzo

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 28 Marzo).

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 30 Marzo [Last update: 03/30/2020]

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 5/3/20).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Marzo [Last update: 03/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 31/3/20 - Sol 476] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 25/3/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 21 Marzo [updated on March,21]

HOT NEWS