Rispetto a 2 giorni fa, c'è stato un ulteriore innalzamento dei raggi cosmici ad alta energia di origine interstellare (in fucsia, scala a destra), mentre quelli associati al vento solare (in blu) rimangono bassi; questi andamenti ricalcano quelli osservati da Voyager-1 quando uscì dall'eliopausa 6 anni fa, come mostrato nel grafico seguente per confronto. Potrebbero essere comunque necessarie diverse settimane prima che Voyager-2 faccia realmente ingresso nello spazio interstellare, dove il flusso di raggi cosmici a bassa energia è 1 ordine di grandezza più basso di quello attuale.

V1 2012

https://voyager.jpl.nasa.gov/
https://voyager.gsfc.nasa.gov/_recent/v2pgh.html
https://voyager.gsfc.nasa.gov/_recent/v2la1.html