Scritto: Martedì, 12 Giugno 2018 07:14 Ultima modifica: Martedì, 12 Giugno 2018 11:50

Ryugu da 1500 km


Queste nuove immagini sono state scattate l'altroieri dalla fotocamera telescopica a bordo di Hayabusa-2, a una distanza di 1500 km dall'asteroide.

Rate this item
(0 votes)
A sinistra, esposizione di 178 secondi ripresa il 10/6 alle 5:50 (ora italiana); a destra, esposizione di 0.09s ripresa alla stessa ora e poi elaborata per mostrare le dimensioni apparenti e l'aspetto naturale "depixellizzato" (in basso). A sinistra, esposizione di 178 secondi ripresa il 10/6 alle 5:50 (ora italiana); a destra, esposizione di 0.09s ripresa alla stessa ora e poi elaborata per mostrare le dimensioni apparenti e l'aspetto naturale "depixellizzato" (in basso). Credit: JAXA - Processing: M. Di Lorenzo

L'immagine a sinistra è una lunga esposizione che mostra le stelle di campo nei Gemelli e l'asteroide luminosissimo e sovraesposto (magnitudine apparente -5,7, più luminoso di Venere).

A destra in alto, un forte ingrandimento di un'altra immagine, ripresa alla stessa ora ma stavolta a breve posa. Non si distinguono ancora dettagli superficiali ma è sempre più chiaro che la forma è molto vicina a quella una sfera con 6 pixel di lato, come mostrato dal cerchio rosso tratteggiato nel riquadro "shape model"; assumendo una distanza di 1522.7 km (fornita dal simulatore) se ne ricava un diametro di quasi 990 metri. Si tratta di un valore provvisorio e probabilmente sovrastimato poichè non tiene conto del contributo della diffrazione e di eventuali difetti del sistema ottico della fotocamera; il fatto che l'illuminazione non era perfettamente frontale (il cosiddetto "angolo di fase" tra la linea di vista e i raggi solari era di circa 15°) spiega la lieve asimmetria nell'immagine (il bordo più scuro sul lato sinistro dell'asteroide, dove dovrebbe esserci il terminatore) e suggerisce che la forma porterebbe essere in realtà leggermente schiacciata in direzione N-S.

Ground observation team: JAXA, University of Toyko, Kyoto University, Japan Spaceguard Association, Seoul National University.
ONC team: JAXA, University of Tokyo, Kochi University, Rikkyo University, Nagoya University, Chiba Institute of Technology, Meiji University, University of Aizu and AIST.

http://www.hayabusa2.jaxa.jp/topics/20180611b_e/

Read 497 times Ultima modifica Martedì, 12 Giugno 2018 11:50
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 ottobre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 26 ottobre [Last updat...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 26 ottobre [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/10 - Sol 679] - Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 21/10/20 ore 00:22). HOT! ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 17 Ottobre [updated on Oct,17]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista