Scritto: Venerdì, 29 Settembre 2017 06:50 Ultima modifica: Sabato, 30 Settembre 2017 07:04

Asimmetria cosmica


Questa è una mappa della volta celeste che mostra la distribuzione nelle direzioni di arrivo dei raggi cosmici ad altissima energia, con una evidente anisotropia.

Rate this item
(0 votes)
Mappa del flusso in coordinate galattiche. La sigla 2MRS indica il picco nella distribuzione galattica mentre le frecce indicano la presunta deviazione da parte del campo magnetico galattico per due diverse energie, comunque più basse di quelle visualizzate nella mappa. La regione vuota in alto a sinistra è quella intorno al polo Nord, non visibile dall'Argentina. Mappa del flusso in coordinate galattiche. La sigla 2MRS indica il picco nella distribuzione galattica mentre le frecce indicano la presunta deviazione da parte del campo magnetico galattico per due diverse energie, comunque più basse di quelle visualizzate nella mappa. La regione vuota in alto a sinistra è quella intorno al polo Nord, non visibile dall'Argentina. Pierre Auger Collaboration / Science 2017: DOI 10.1126 / science.aan4338

I raggi cosmici ad altissima energia (fino a 1020 eV contro i 1013 eV prodotti da LHC) non risentono degli effetti di diffusione dovuti al campo magnetico della Via Lattea e mantengono più o meno la direzione da cui provengono. Secondo le osservazioni effettuate negli ultimi 14 anni dall'osservatorio Auger in Argentina, sembrano più frequenti (+10%) da una direzione centrata nella costellazione del Cane Maggiore (evidenziata da una crocetta). Gli autori dell'articolo, pubblicato su Science, notano che questa è anche una zona più ricca di galassie vicine alla nostra, ma questa non è una osservazione conclusiva.

 Il Pierre Auger Observatory è costituito da una schiera di 1600 serbatoi d'acqua, distribuiti su un'area di 3000 km2 (come la Valle d'Aosta), per rivelare gli sciami di particelle secondarie generati quando raggi cosmici ad alta energia colpiscono atomi nell'alta atmosfera terrestre. In 14 anni, questa collaborazione internazionale ha rivelato ben 30000 particelle di energia superiore a 8 EeV (8 miliardi di miliardi di ElettronVolt).

 

http://www.skyandtelescope.com/astronomy-news/some-cosmic-rays-come-from-outside-the-galaxy-2109201723/?

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 733 volta/e Ultima modifica Sabato, 30 Settembre 2017 07:04
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Gli ultimi articoli di Marco Di Lorenzo (DILO)

Altri articoli in questa categoria: « La prima volta di Virgo L'ultima foto di Rosetta »

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 17 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista