Scritto: Lunedì, 09 Gennaio 2017 07:31 Ultima modifica: Lunedì, 09 Gennaio 2017 08:22

Penitenti su Plutone


Usando dei modelli climatici, un gruppo di ricercatori canadesi e statunitensi ha dimostrato l'esistenza su Plutone di caratteristiche terrestri, chiamate "Penitenti".

Rate this item
(0 votes)
Penitenti su Plutone Crediti: NASA/JHUAPL/SwRI

Questa immagine del Pianeta Nano, che riprende una zona informalmente chiamata Tartarus Dorsa, aveva già lasciato a bocca aperta quando la sonda della NASA New Horizons l'aveva trasmessa a Terra a settembre 2015. Mostra un'area montagnosa ad est del "cuore" di Plutone. "Sembra più di guardare la corteccia di un albero o la pelle di un drago che geologia", aveva commentato William McKinnon, geologo del team Geophysics and Imaging (GGI), dell'Università di St. Louis.

Penitenti di Mees

Queste caratteristiche geologiche sono conosciute sul nostro pianeta con il nome di "Penitenti" (un esempio qui a sinistra): sono costituite da depressioni a forma di ciotola alternate ad alte guglie taglienti.
Ora, una ricerca guidata da John Moores della York University di Toronto dimostra che questa geologia è presente anche su Plutone dove colonne di neve dalle cime blu si alternano a zone concave dove si è depositato materiale rossastro (toline).

Secondo gli autori, questo dimostrerebbe che le "Penitenti" potrebbero formarsi anche su altri corpi senza atmosfera del Sistema Solare ma su scale molto diverse: ad esempio, quelle di Plutone sono molto più grandi delle terrestri, toccano i 500 metri di altezza e sono separate tra loro da valli di 3-5 chilometri. Questa differenza è dovuta in primo luogo al materiale che le compone, metano ed azoto sul Pianeta Nano piuttosto che acqua, alle temperature molto più rigide, all'atmosfera rarefatta e alla debole luce del Sole che arriva ai confini del Sistema Solare.

Gli scienziati avevano già trovato prove di cime innevate su Plutone, nella Cthulhu Regio, la zona montuosa che delimita la Sputnik Planum, la grande pianura nel "cuore" del pianeta nano, verso ovest, nord-ovest. Qui, la mappatura dello spettrometro Ralph/LEISA suggeriva alte concentrazioni di metano ghiacciato, accumulato prevalentemente nelle pianure e lungo i bordi dei crateri ma anche sulle vette. Quest'ultimo, però, avrebbe una provenienza diversa: non farebbe propriamente parte della superficie di Plutone ma arriverebbe dall'atmosfera, condensando e formando una sorta di manto nevoso.

Altre informazioni su questo articolo

Read 1023 times Ultima modifica Lunedì, 09 Gennaio 2017 08:22
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 27 Gennaio 

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 27 gennaio)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 27 gennaio [Last update: jan,27] Hot!

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 9/12/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 27 gennaio [Last update: 27/01].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 27/1/20 - Sol 415

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 12/1/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 25 Gennaio [updated on Jan,25]

HOT NEWS