Scritto: Giovedì, 10 Novembre 2022 04:53 Ultima modifica: Giovedì, 10 Novembre 2022 05:15

L'aurora rosa del 3 novembre: estremamente rara


Una tempesta solare ha creato una breccia nel campo magnetico terrestre. Il foro risultante ha consentito alle particelle energetiche di penetrare in profondità nell'atmosfera del pianeta e di scatenare aurore rosa estremamente rare.

Rate this item
(2 votes)
L'aurora rosa del 3 novembre: estremamente rara
Crediti: Markus Varik/Greenlander

Lo straordinario spettacolo di luci è stato avvistato il 3 novembre da un gruppo di cacciatori di aurore, guidato da Markus Varik, nel cielo della Norvegia. Le vibranti aurore sono emerse intorno alle 18:00. ora locale e sono durate circa 2 minuti, ha detto Varik.

"Ho guidato i tour a caccia di aurore a tempo pieno negli ultimi dieci anni, conducendo più di 1000 tour", ha detto Varik. "Pensavo di aver visto tutto".
"Siamo usciti presto la scorsa notte (2 novembre) per inseguire le luci... e che sorpresa!", dice. "Queste erano le aurore rosa più intense che abbia mai visto. Il colore rosa era luminoso ed evidente ad occhio nudo. Tutto il mio gruppo è rimasto sbalordito".


Un raro colore

Anche se separati da 150 milioni di chilometri, il Sole e la Terra sono collegati dal vento solare, un plasma di particelle cariche che viaggia attraverso il Sistema Solare, trasportando con sé parte del campo magnetico del Sole. A seconda di come questo campo magnetico interplanetario è allineato rispetto al campo magnetico terrestre, nel punto di incontro può avvenire una riconfigurazione della struttura. Il riallineamento può far incanalare il vento solare nella magnetosfera terrestre e questo è ciò che causa l'aurora.
L'interazione con gli atomi di ossigeno si traduce nel colore verde e più raramente nel rosso, mentre gli atomi di azoto producono il colore blu e viola. Normalmente lo spettacolo si manifesta tra i 65 e i 70 gradi nord e a sud dell'equatore. Ma quando il campo magnetico interplanetario punta verso nord, le aurore si possono verificare a latitudini ancora più elevate e questa la circostanza in cui si formano anche le cosiddette aurore Theta.

La maggior parte delle aurore sono verdi, cioè il colore degli atomi di ossigeno colpiti da particelle energetiche da 100 a 300 chilometri sopra la superficie terrestre. Il rosa appare quando le particelle energetiche dallo spazio scendono più in basso del solito, colpendo le molecole di azoto a un livello di 100 chilometri e ancora più giù.

Le aurore rosa sono emerse poco dopo la formazione di una piccola crepa nella magnetosfera, la bolla magnetica invisibile che circonda la Terra, generata dal nucleo metallico fluido del pianeta. Gli scienziati hanno rilevato la violazione dopo che una tempesta solare di classe G-1 ha investito il nostro pianeta il 3 novembre.

La breccia nella magnetosfera terrestre ha anche contribuito a generare forti aurore verdi per tutta la notte, ha detto Varik.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 517 volta/e Ultima modifica Giovedì, 10 Novembre 2022 05:15

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno" (segui su LinkedIn le mie attività professionali).
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 9 dicembre 2022

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 7 dicembre. Statistiche su...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB