Scritto: Martedì, 04 Marzo 2014 05:48 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:12

Virus gigante di 30.000 anni fa tornato alla vita dai ghiacci


Potrebbe sembrare la trama di un film di fantascienza ma la realtà è che gli scienziati hanno fatto rivivere un virus gigante, ancora infettivo, sepolto tra i ghiacci della Siberia 30.000 anni fa.
Fortunatamente le sue vittime sono le amebe ma la scoperta suggerisce che lo scioglimento dei ghiacci terrestri potrebbe riportare alla luce anche virus rischiosi per l'essere umano.

Rate this item
(0 votes)

Pithovirus

Credit: Julia Bartoli & Chantal Abergel; Information Génomique et Structurale, CNRS-AMU

Potrebbe sembrare la trama di un film di fantascienza ma la realtà è che gli scienziati hanno fatto rivivere un virus gigante, ancora infettivo, sepolto tra i ghiacci della Siberia 30.000 anni fa.
Fortunatamente le sue vittime sono le amebe ma la scoperta suggerisce che lo scioglimento dei ghiacci terrestri potrebbe riportare alla luce anche virus rischiosi per l'essere umano.

Il virus, oltre ad essere molto antico, è anche il più grande ritrovato finora: lungo 1,5 micrometri, è paragonabile ad un piccolo batterio.

I suoi scopritori lo hanno chiamato Pithovirus sibericum, ispirato alla parola greca "pithos", il grande contenitore utilizzato dagli antichi Greci per conservare il vino e il cibo.

I risultati sono stati pubblicati su Proceedings of the National Academy of Sciences.

Gli autori del ritrovamento sono i due biologi evoluzionisti, Jean-Michel Claverie e Chantal Abergel, marito e moglie, dell'Aix-Marseille University in Francia, non estranei alla scoperta di virus giganti: il primo fu Mimivirus ed altri due noti come Pandoraviruses.

Due anni fa, il team apprese che alcuni scienziati russi avevano resuscitato una pianta da frutta di 30.000 anni fa dal permafrost siberiano:

"Se era possibile far rivivere una pianta, mi chiedevo perché non fosse possibile far rivivere un virus", dice Claverie.

Utilizzando i campioni di permafrost forniti dai ricercatori russi, provenienti da 30 metri di profondità nel suolo della tundra di Chukotka, sulla costa Est del Mare della Siberia, hanno cercato i virus giganti al loro interno utilizzando le amebe come esca, tipici obiettivi di questi agenti patogeni. Quando le amebe hanno iniziato a morire, la squadra ha trovato il gigante-virus al loro interno.

PithovirusVisto al microscopio, Pithovirus appare come un ovale a pareti spesse con un'apertura ad un'estremità, così come il Pandoraviruses ritrovato precedentemente. Ma nonostante le loro forme simili, Abergel spiega che "sono virus totalmente diversi".

Pithovirus ha una sorta di 'tappo di sughero' sulla sua apertura, con una struttura a nido d'ape (vedi immagine al microscopio elettronico).
Si replica nel citoplasma del suo ospite, piuttosto che nel nucleo cellulare come fanno la maggior parte dei virus ma con grande sorpresa, il suo genoma è molto più piccolo rispetto a quello del Pandoraviruses, nonostante le sue dimensioni.

"Quella particella enorme è praticamente vuota", afferma Claverie e questo rimane un bel dilemma.

Sebbene questi virus giganti predilligano le amebe, Christelle Desnues virologo presso il French National Centre for Scientific Research di Marsiglia, racconta che la scoperta del Marseillevirus lo scorso anno, in realtà aveva lasciato un segno, contagiando un bambino di 11 mesi, ricoverato in ospedale con i linfonodi infiammati. Quindi, forse è bene tenere gli occhi aperti e prendere comunque le dovute precauzioni.

Claverie e Abergel, in effetti, un po' di preoccupazione la manifestano: a causa dello scioglimento dei ghiacci, virus giganti, potenzialmente pericolosi anche per l'essere umano, potrebbero tornare alla luce. Ma d'altro canto, alcuni scienziati confidano nelle nostre capacità di convivere con virus ogni giorno, per cui sarebbe molto più preoccupante lo scioglimento dei ghiacci in sé stesso che non i virus come possibile minaccia.

Letto: 2831 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:12
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 23 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 22 gennaio [updated on Jan,22]...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista