Scritto: Venerdì, 27 Maggio 2022 05:09 Ultima modifica: Venerdì, 27 Maggio 2022 06:03

Trovate nell'atmosfera terrestre sostanze chimiche altamente reattive


L'atmosfera terrestre è composta principalmente da azoto, ossigeno e un po' di anidride carbonica ma i chimici hanno appena scoperto che c'è molto di più.

Rate this item
(3 votes)
Una vista della Terra ripresa dalla Stazione Spaziale Internazionale il 29 maggio 2016.
Una vista della Terra ripresa dalla Stazione Spaziale Internazionale il 29 maggio 2016.
Crediti: ESA/NASA/Tim Peake

In effetti, probabilmente, proprio in questo momento, stiamo respirando alcuni miliardi di molecole di una classe reattiva di composti chiamati idrotriossidi organici. E, sebbene queste sostanze chimiche durino solo brevemente, potrebbero avere effetti di cui non siamo a conoscenza, sia sugli esseri viventi, sia sul pianeta stesso.

"Questi composti sono sempre esistiti, semplicemente non li conoscevamo", ha detto il chimico Henrik Grum Kjærgaard dell'Università di Copenaghen in Danimarca.
"Ma il fatto che ora abbiamo le prove che si formano e vivono per un certo periodo di tempo significa che è possibile studiarne l'effetto... e rispondere se si rivelano pericolosi".

"La maggior parte delle attività umane porta all'emissione di sostanze chimiche nell'atmosfera. Quindi, la conoscenza delle reazioni che determinano la chimica dell'atmosfera è importante se vogliamo essere in grado di prevedere come le nostre azioni influenzeranno l'atmosfera in futuro", ha affermato Kristan H. Møller, anche lui chimico dell'Università di Copenaghen.

Il nuovo studio è stato pubblicato sulla rivista Science.

Tutto parte dall'acqua

L'acqua, composta da due atomi di idrogeno e uno di ossigeno (H2O), è una molecola molto particolare e alla base della vita come la conosciamo. Ma se aggiungiamo un solo atomo di ossigeno, si trasforma in perossido di idrogeno, un composto molto più reattivo che può distruggere la chimica vivente. Con ancora un ossigeno in più, diventa idrotriossido, un elemento da laboratorio che necessita di alcuni composti organici saturi e del ghiaccio secco per formarsi. Essendo altamente reattivo, la questione se potesse facilmente formare strutture stabili nell'atmosfera è rimasta aperta fino ad ora.

Le indagini del team forniscono le prime osservazioni dirette dell'idrotriossido che si forma in condizioni atmosferiche da diverse sostanze note per essere presenti nell'aria che respiriamo.
Ciò ha permesso loro di studiare il modo in cui è probabile che il composto venga sintetizzato, per quanto tempo rimane e come si degrada.

Alla ricerca dei resposabili

Una delle emissioni resposabili, chiamata isoprene, può reagire nell'atmosfera per generare circa 10 milioni di tonnellate di idrotriossido ogni anno. Questa è solo una potenziale fonte, però. Sulla base dei calcoli del team, praticamente qualsiasi composto potrebbe in teoria svolgere un ruolo nella formazione atmosferica di idrotriossidi, che rimangono quindi per un periodo compreso tra pochi minuti e poche ore. A quel tempo, parteciperebbero a una serie di altre reazioni, per esempio per formare un ossidante, alcune delle quali potrebbero avvenire all'interno di particelle microscopiche alla deriva, trasportate dai venti.

"È facile immaginare che negli aerosol si formino nuove sostanze dannose se inalate. Ma sono necessarie ulteriori indagini per affrontare questi potenziali effetti sulla salute", ha detto Kjærgaard.
Inoltre, poiché gli aerosol influenzano anche il modo in cui il nostro pianeta riflette la luce solare, sapere come crescono o degradano potrebbe cambiare il modo in cui modelliamo il nostro clima.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 349 volta/e Ultima modifica Venerdì, 27 Maggio 2022 06:03

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento:4 luglio 2022

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 5 luglio ...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 1 luglio. Statistiche sull...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora