Scritto: Giovedì, 09 Agosto 2012 08:05 Ultima modifica: Venerdì, 04 Gennaio 2019 08:56

La polvere delle comete nelle nubi nottilucenti


Le nubi nottilucenti (NLC) sono un misterioso fenomeno atmosferico: di colore blu elettrico, trasformano il nostro pianeta in un paesaggio alieno.
In effetti, i ricercatori affermano che questa sensazione non è poi così lontana dalla realtà: il loro ingrediente chiave proviene dallo spazio esterno.

Rate this item
(0 votes)

[GUARDA IL VIDEO]

"Abbiamo rilevato polvere delle comete nelle nubi nottilucenti", ha dichiarato James Russell dell'Università di Hampton.

"Questa scoperta supporta la teoria che la polvere meteorica è l'agente nucleante intorno al quale si formano le NLC".

Osservate per la prima volta nel 1885 dopo l'eruzione vulcanica del Krakatoa, si pensava fossero una diretta conseguenza della polvere vulcanica immessa nell'atmosfera. Ma le ceneri del Krakatoa con il tempo si dispersero mentre le nubi nottilucenti restarono ed ora si manifestano regolarmente.

Oggi, contribuiscono alla loro formazione le polveri provenienti dallo spazio: il Sistema Solare interno è disseminato di asteroidi di varie dimensione e da essi si staccano piccoli granelli di roccia. Ogni giorno la Terra divora grandi quantità di materiale proveniente dallo spazio. Quando una meteora colpisce la nostra atmosfera, brucia e si lascia alle spalle una nebbia di minuscole particelle sospese tra i 70 km e i 100 km di quota dalla superficie terrestre.
Non è un caso che le nubi nottilucenti si formano proprio intorno agli 83 km di quota. Questi granelli di polvere vengono raccolti dalle molecole d'acqua che possono assemblarli in cristalli di ghiaccio (nucleazione).

Minuscoli cristalli di ghiaccio, gocce d'acqua e fiocchi di neve crescono intorno a queste particelle e precipitano a terra quando diventano abbastanza pesanti.
Quando questo fenomeno si forma sul bordo più esterno dell'atmosfera, verso lo spazio dove la pressione atmosferica è ridotta, può portare alla formazione delle NLC.

Secondo i dati del satellite AIM (Aeronomy of Ice in the Mesosphere) i cristalli di ghiaccio possono crescere intorno alla polvere meteorica fino ai 20 / 30 nanometri ed è proprio grazie ad essi che le nuvole assumono il caratteristico colore blu elettrico. Ma un mistero rimane: perchè il fenomeno oggi è così frequente e diffuso anche a medie latitudini? Tra i possibili responsabili, i cambiamenti climatici ma la ricerca a questo deve ancora dare risposte certe.

Altre informazioni su questo articolo

Read 2069 times Ultima modifica Venerdì, 04 Gennaio 2019 08:56
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 3 Agosto [updated on Aug,03].&n...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 3/8/20 - Sol 598] - Meteo...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/7/20). Le manovre della sonda am...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 31 Luglio [Last update...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 30 Luglio [Last update...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista