Scritto: Mercoledì, 19 Gennaio 2022 12:45 Ultima modifica: Mercoledì, 19 Gennaio 2022 13:20

L'interno della Terra si sta raffreddando più velocemente del previsto


Mentre le temperature in superficie e nell'atmosfera fluttuano nel corso degli eoni e, negli ultimi tempi, sono afflitte dal cosiddetto riscaldamento globale, l'interno fuso del nostro pianeta si è raffreddato e continua a raffreddarsi da quando la Terra è nata 4,5 miliardi di anni fa.

Rate this item
(2 votes)
L'interno della Terra si sta raffreddando più velocemente del previsto
Crediti: Argonne National Laboratory/flickr, CC BY-NC-SA

Ora, una nuova ricerca suggerisce che il nucleo terrestre potrebbe raffreddarsi e spegnersi prima del previsto. Quando si solidificherà, il nostro pianeta diventerà probabilmente una roccia sterile simile a Marte o a Mercurio.

La dinamo rotante all'interno della Terra, alimentata dalle potenti correnti elettriche che si generano nell'oceano di ferro liquido che costituisce la parte più esterna del nucleo, genera il campo magnetico globale che ci protegge dalle radiazioni e consente alla vita di prosperare. Inoltre, la convezione del mantello, l'attività tettonica e il vulcanismo aiutano a sostenere la vita attraverso la stabilizzazione delle temperature globali e il ciclo del carbonio.

Tuttavia, questi meccanismi potrebbero esaurirsi prima del previsto. Sembra che tutto dipenda da un minerale al confine tra il nucleo esterno di ferro-nichel e il mantello fuso inferiore.
Questo minerale è chiamato bridgmanite e la velocità con cui conduce il calore influenza la velocità con cui il calore filtra dal nucleo, verso il mantello.

La bridgmanite è un minerale, silicato di ferro magnesio (Mg,Fe)SiO3, scoperto per la prima volta in un meteorite chiamato Tenham L6, caduto nei pressi della Tenham Station, Queensland occidentale, Australia.

La Terra si sta raffreddando velocemente

Determinare come questo minerale si comporta all'interno della Terra non è semplice. La conducibilità termica può variare in base alla pressione e alla temperatura, che sono molto diverse nelle viscere del nostro pianeta.

Per superare questa difficoltà, un team di scienziati guidato da Motohiko Murakami dell'ETH di Zurigo in Svizzera ha irradiato un singolo cristallo di bridgmanite con laser pulsati, aumentando contemporaneamente la sua temperatura a 2166 gradi Celsius e la pressione a 80 gigaPascal, vicino ai valori che dovrebbero esserei nel mantello inferiore..

"Questo sistema di misurazione ci consente di mostrare che la conduttività termica della bridgmanite è circa 1,5 volte superiore a quanto ipotizzato", ha affermato Murakami.
A sua volta, questo significa che il flusso di calore dal nucleo al mantello è più alto di quanto pensassimo e, quindi, che anche il raffreddamento della Terra è più veloce del previsto.

E il processo potrebbe accelerare. Quando si raffredda, la bridgmanite si trasforma in un altro minerale chiamato post-perovskite, un silicato di magnesio ad alta pressione che, essendo ancora più conduttivo termicamente, aumenterebbe la velocità di perdita di calore dal nucleo al mantello.

"I nostri risultati potrebbero darci una nuova prospettiva sull'evoluzione delle dinamiche della Terra", ha detto Murakami. "Suggeriscono che la Terra, come gli altri pianeti rocciosi Mercurio e Marte, si sta raffreddando e sta diventando inattiva molto più velocemente del previsto".

Quanto velocemente?

Questo ancora non è noto. Il raffreddamento di un intero pianeta non è qualcosa che ancora non conosciamo molto bene. Marte si sta raffreddando un po' più velocemente perché è significativamente più piccolo della Terra ma ci sono altri fattori che possono avere un ruolo nella velocità con cui si raffredda l'interno del pianeta. Ad esempio, il decadimento degli elementi radioattivi può generare calore, sufficiente a sostenere l'attività vulcanica. Tali elementi sono una delle principali fonti di calore nel mantello terrestre ma il loro contributo non è ben compreso.

"Non sappiamo ancora abbastanza su questo tipo di eventi per definire i loro tempi", ha detto Murakami.
Tuttavia, probabilmente non sarà un processo veloce a misura d'uomo. In effetti, è possibile che la Terra diventi inabitabile per altri motivi molto prima di allora. Quindi, avremo ancora un po' di tempo per risolvere questo rebus.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 374 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 19 Gennaio 2022 13:20

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 23 Maggio 2022.

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 23 maggio. Statistiche sul...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 19 Maggio. ...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora