Scritto: Giovedì, 07 Ottobre 2021 16:50 Ultima modifica: Venerdì, 08 Ottobre 2021 07:03

Onde stazionarie scoperte ai margini della magnetosfera terrestre


Dopotutto, la magnetosfera terrestre non è completamente in balia del vento solare: mentre i bordi si increspano in una serie di onde energetiche, alcune inaspettatamente, tornano indietro e si fermano.

Rate this item
(2 votes)
Il confine della bolla magnetica terrestre (blu) forma un'onda apparentemente stazionaria su gran parte del suo fronte. Il confine della bolla magnetica terrestre (blu) forma un'onda apparentemente stazionaria su gran parte del suo fronte. Crediti: Imperial College London

Il vento solare è un flusso continuo di particelle cariche emesso dalla nostra stella. Ma la Terra non è del tutto priva di protezione: la "bolla" magnetosferica che nasce dal cuore del pianeta, ci avvolge e ci protegge. Il fisico spaziale Martin Archer dell'Imperial College di Londra ha esplorato il confine della magnetosfera terrestre per diversi anni. Ora, con il suo team, ha scoperto che il confine della magnetosfera, chiamato magnetopausa, si comporta come la membrana di un tamburo: quando viene colpito dal vento solare le onde, dette magnetosoniche, si propagano lungo la magnetopausa verso i poli, e vengono riflesse verso la sorgente. Ma non solo. Queste onde possono viaggiare anche nella direzione opposta al vento solare, fino a fermarsi.

Lo studio è stato pubblicato su Nature Communications.

Onde stazionarie

Il nuovo documento combina simulazioni e osservazioni dei satelliti THEMIS (Time History of Events and Macroscale Interactions during Substorms) della NASA.
Secondo la modellizzazione condotta dai ricercatori, quando le due forze viaggiano in direzione opposta possono raggiungere una situazione di stallo, con la spinta del vento solare che annulla la spinta dell'onda
"È simile a quello che succede se provi a salire su una scala mobile verso il basso", ha detto Archer. "Sembrerà che tu non ti stia muovendo affatto, anche se stai facendo un sacco di sforzi".

Poiché queste onde stazionarie rimangono più a lungo nella magnetosfera terrestre, potrebbero avere un effetto significativo sull'accelerazione delle particelle che, a loro volta colpiscono la Terra.
Le particelle che accelerano lungo il campo magnetico verso i poli sono responsabili della splendida aurora che illumina i nostri cieli ma possono colpire anche le fasce di Van Allen, oltre che influenzare la radiopropagazione atmosferica.

Propagazione simulata delle onde nella magnetosfera terrestre, in due viste mutuamente perpendicolari (lungo l'equatore magnetico a sinistra, passante per i poli a destra); i colori rappresentano l'intensità del campo magnetico. - Credits: Imperial College London

 

Senti come suonano

I ricercatori hanno anche tradotto le onde stazionarie in suoni. E questa non è solo una cosa affascinante ma può aiutare gli scienziati ad evidenziare dettagli altrimenti nascosti.

Il Dr. Archer ha aggiunto: "Questo tipo di dati è in realtà più adatto al nostro senso dell'udito che alla vista, quindi ascoltare ai dati può spesso darci un'idea più intuitiva di cosa sta succedendo".

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 230 volta/e Ultima modifica Venerdì, 08 Ottobre 2021 07:03

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 19 ottobre 2021. 

StatisticaMENTE

Tiangong 3 orbit

Tiangong 3 orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 19 ottobre [Last update:&nb...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 19 ottobre [updated on 10/...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 10/10 - Sol 1015] - Meteo...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista