Scritto: Domenica, 02 Giugno 2013 17:53 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:12

Idrogeno prodotto da reazioni tra acqua e rocce potrebbe sostenere la vita anche su Marte


Secondo un nuovo studio a cura dell'Università del Colorado, una reazione chimica tra i minerali contenti ferro e l'acqua potrebbe produrre abbastanza idogeno tanto da sostenere la vita per comunità microbiche che vivono nei pori e nelle crepe all'interno dell'enorme volume di roccia sotto il fondo dell'oceano.

Rate this item
(0 votes)

Mars Surface

Credit: JPL/NASA

Secondo un nuovo studio a cura dell'Università del Colorado, una reazione chimica tra i minerali contenti ferro e l'acqua potrebbe produrre abbastanza idogeno tanto da sostenere la vita per comunità microbiche che vivono nei pori e nelle crepe all'interno dell'enorme volume di roccia sotto il fondo dell'oceano.

I risultati, pubblicati sulla rivista Nature Geoscience, accennano alla possibilità che la vita dipendente da idrogeno sarebbe potuta esistere anche su Marte, dove depositi ricchi di ferro nelle rocce ignee potevano, una volta, esser venuti a contatto con l'acqua.

Gli scienziati hanno accuratamente studiato come reazioni roccia-acqua possono produrre idrogeno in luoghi in cui le temperature sono considerate troppo calde per la sopravvivenza degli esseri viventi, esaminando le pietre alla base delle bocche idrotermali sul fondo dell'Oceano Atlantico.
L'idrogeno prodotto da queste rocce alimenta la vita microbica, che si trova però, solo in piccole oasi fresche, dove i fluidi di sfiato si mescolano con l'acqua di mare.

"Reazioni acqua-roccia hanno prodotto gas di idrogeno e si pensa che questa possa essere stata una delle prime fonti di energia per la vita sulla Terra", ha dichiarato Lisa Mayhew, che ha contribuito allo studio durante un dottorato.

"Tuttavia, sappiamo molto poco su questo idrogeno prodotto da reazioni di sintesi, quando le temperature sono basse, abbastanza basse affiché la vita possa esistere".

Quando si formano le rocce ignee e il magma si raffredda lentamente all'interno della Terra, queste vengono filtrate con acqua di mare ed alcuni minerali rilasciano ferro. Alle alte temperature, 200 gradi Celsius, gli atomi sono instabili (ferro ridotto) e possono interagire rapidamente con le molecole d'acqua e splittarle, producendo idrogeno e nuovi materiali contenenti ferro in forma più stabile, o ossidati.

Ma secondo lo studio, le rocce sommerse in acqua, in assenza di ossigeno, potrebbero produrre lo stesso tipo di reazione a temperature molto più basse, tra i 50 e i 100 gradi Celsius.

Il team di ricerca ha riprodotto ovviamente i risultati in laboratorio, trovando la formazione di ferro ossidato su minerali del gruppo degli spinelli: questo ha portato la squadra ad ipotizzare che, alle basse temperature, lo spinello conduttivo stava aiutando lo scambio di elettroni tra ferro ridotto e acqua, processo necessario per dividere le molecole e creare idrogeno.

"Dopo aver osservato la formazione di ferro ossidato nello spinello, abbiamo capito che c'era una forte correlazione tra la quantità di idrogeno prodotto e la percentuale del volume dello spinello nella reazione", ha detto Mayhew. "In generale, più spinello, più idrogeno".

Da questo studio ne scaturisce che, non solo c'è un numero potenzialmente elevato di volume di roccia sulla Terra che può subire reazioni di sintesi bassa temperatura ma gli stessi tipi di rocce sono molto diffuse anche su Marte. Questo significa che il risultato della nuova ricerca potrebbe avere implicazioni anche per la comprensione del habitat microbico marziano.

Read 2448 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:12
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

1 commento

  • Comment Link romeo Venerdì, 15 Dicembre 2017 23:25 posted by romeo

    meglio sarebbe pensare a produrre idrogeno a sud dell'equatore marziano, per evitare di fare basi al polo, con 150°C sotto zero.. Che reazioni potremmo pensare, senza doverci portare acidi e altre tonnellate dalla terra?? Che minerali ci sono su Marte, all'equatore, per fare ciò??

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 25 ottobre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/10 - Sol 679] - Meteor...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 22 ottobre [Last updat...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 22 ottobre [Last updat...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 21/10/20 ore 00:22). HOT! ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 17 Ottobre [updated on Oct,17]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista