Scritto: Giovedì, 15 Novembre 2012 21:02 Ultima modifica: Venerdì, 16 Novembre 2012 06:29

L'esercito americano arruola gli astrofili contro la spazzatura spaziale


La spazzatura spaziale sta diventando una forma di inquinamento vero e proprio e il problema inizia ad essere seriamente sentito dalle Agenzie Spaziali Internazionali e dai governi.

Rate this item
(0 votes)

Spazzatura spaziale

Credit: ESA

La spazzatura spaziale sta diventando una forma di inquinamento vero e proprio e il problema inizia ad essere seriamente sentito dalle Agenzie Spaziali Internazionali e dai governi.

Qualche tempo fa abbiamo parlato dell’iniziativa dell’ESA, che ha deciso di passare all’azione e di studiare un piano per intervenire attivamente. Ora, l'esercito americano arruola gli astrofili contro la spazzatura spaziale.

Il progetto della Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA) è chiamato SpaceView ed un programma che, grazie all’aiuto degli astronomi amatoriali, vuole proteggere le attività spaziali statunitensi in orbita.

La NASA ha stimato che esistono più di 500.000 pezzi di spazzatura spaziale potenzialmente pericolosa in orbita intorno alla Terra, che minacciano altri satelliti operativi, tra cui quelli militari. Per questo motivo, il DARPA ha deciso di creare una rete di sorveglianza globale, con il progetto SpaceView.

L'attuale monitoraggio è in grado di tracciare solo 30.000 di questi 500.000 oggetti pericolosi.
SpaceView cercherà di colmare questa lacuna.

Stadi di razzi, satelliti non più operativi, frammenti di altri veicoli spaziali, una moltitudine di oggetti pericolosi vagano sulle nostre teste.
Una collisione tra questi detriti potrebbe sprigionare un energia 20.000 volte superiore a quella di uno scontro frontale tra due automobili a 105 km/h.

Il tenente colonnello Travis Blake dell’Air Force, del programma SpaceView del DARPA, ha dichiarato:
“SpaceView dovrebbe fornire più dati da diverse postazioni geografiche assicurando una comprensione migliore dello stato attuale e del futuro delle nostre risorse spaziali”.

SpaceView è immaginato come una partnership a lungo termine che potrebbe includere la condivisione dei telescopi, upgrade hardware e una compensazione economica.

Il programma spera di coinvolgere gli astronomi amatoriali acquistando un accesso remoto sul loro telescopio, o fornendone uno all’astrofilo selezionato. Quando il telescopio non sarà riservato alle attività del DARPA, allora l’astronomo potrà utilizzarlo per il proprio hobby.

Il progetto inizierà a fine 2013 selezionando i primi 12 candidati.

Per maggiori informazioni: www.spaceviewnetwork.com

Letto: 3028 volta/e Ultima modifica Venerdì, 16 Novembre 2012 06:29
Alive Universe

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 24 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 22 gennaio [updated on Jan,22]...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista