Scritto: Domenica, 28 Giugno 2015 05:50 Ultima modifica: Giovedì, 02 Luglio 2015 12:38

30 giugno: il giorno con un secondo in più


Martedì 30 giugno, il giorno sarà un po' più lungo del solito ma solo di un secondo: 86.401 contro i consueti 86.400 secondi. Un adeguamento necessario per allinearsi con la rotazione del nostro pianeta che sta rallentando.

Rate this item
(0 votes)
30 giugno: il giorno con un secondo in più Credit: NASA

Il tempo viene scandito dagli standard dell'UTC (Coordinated Universal Time).
L'UTC è un "tempo atomico": la durata di un secondo si basa sulle transizioni elettromagnetiche estremamente prevedibili degli atomi di cesio e corrisponde a 9.192.631.770 cicli della radiazione che avvengono in un transizione tra due specifici livelli energetici dello stato fondamentale dell'atomo.
Queste transizioni sono così affidabili che l'orologio al cesio è preciso per 14 mila anni.

Tuttavia, il giorno solare medio, la cui durata si basa sulla rotazione terrestre, è di circa 86.400,002 secondi perché il nostro pianeta sta gradualmente rallentando, a causa di una sorta di forza frenante dovuta ad una "guerra" gravitazionale tra Terra, Luna e Sole.

Gli scienziati stimano che il giorno solare medio ha superato gli 86.400 secondi dal 1820 o giù di lì.

Questa differenza di 2 millisecondi è molto meno di un batter d'occhio e sembra piuttosto insignificante ma diventa meno trascurabile se si pensa che si ripete ogni giorno, per tutto l'anno.

A voler essere precisi, però, sebbene la Terra stia rallentando, la lunghezza di ogni singolo giorno varia in modo imprevedibile perché influenzata da molti fattori, come le variazioni climatiche, stagionali ed interne al nostro pianeta, acque sotterranee, ghiacciai o maree oceaniche. Anche El Niño può causare rallentamenti nella rotazione terrestre facendo aumentare la lunghezza del giorno di ben 1 millisecondo.

Gli scienziati tengono sotto controllo il tempo impiegato dalla Terra per completare una rotazione con una tecnica estremamente precisa chiamata Very Long Baseline Interferometry (VLBI), che tiene traccia delle variazioni a breve e lungo termine osservando i quasar (oggetti astronomici essenzialmente immobili perché distanti miliardi di anni luce dalla Terra). Queste misure sono condotte da una rete mondiale di stazioni con il coordinamento del Goddard Center che fornisce che fornisce anche l'analisi e l'archiviazione dei dati raccolti.

{mp4}150628_1{/mp4}

Fonte: https://youtu.be/59Bl8cjNg-Y

Lo standard chiamato Universal Time 1 (UT1), quindi, che si basa sulle misurazioni VLBI, tende a discostarsi dall'UTC dell'orologio al cesio.
La discrepanza viene colmata aggiungendo secondi in modo da mantenere un delta massimo di 0,9 secondi circa.
In genere questi adeguamenti si effettuano o il 30 giugno o il 31 dicembre: in questo caso, il 30 giugno, molti sistemi verranno semplicemente spenti per un secondo.

Non è possibile prevedere quando sarà necessario ripetere l'operazione, si legge nel comunicato NASA.
"La modellazione della Terra prevede che sempre più secondi bisestili dovranno essere aggiunti nel lungo termine ma non possiamo dire se sarà necessario aggiungerli ogni anno", ha detto Chopo Ma, geofisico del Goddard, membro del consiglio direttivo dell'International Earth Rotation and Reference Systems Service.

Dal 1972, anno in cui è stata introdotta l'aggiunta di un secondo, al 1999, l'operazione è avvenuta una volta all'anno, per poi diventare meno frequente: questa sarà solo la quarta occasione dal 2000, ma il motivo per cui l'allineamento si è reso meno necessario negli ultimi tempi, rimane un mistero.

Read 2059 times Ultima modifica Giovedì, 02 Luglio 2015 12:38
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 5 Dicembre (ore 20.30)

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 4 Dicembre) Hot!

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 1/12 [Last update: Dec,01]

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 30/11/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubbe Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 1/12 [Last update: Dic,01].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 5/12 - Sol 363]

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 13/8/19).

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 28 Novembre [updated on Nov,28]

HOT NEWS