Scritto: Sabato, 20 Settembre 2014 15:55 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Una nuova mappa da 219 milioni di stelle per la Via Lattea


Un nuovo impressionante ritratto delle zona nord visibile della nostra Via Lattea è stato realizzato da Geert Barentsen dell'Università dell'Hertfordshire, mettendo insieme dieci anni di osservazioni con l'Isaac Newton Telescope (INT) a La Palma, nelle Isole Canarie.
Lo scatto straordinario è stato pubblicato sulla rivista Royal Astronomical Society.

Rate this item
(0 votes)

Via Lattea - 219 milioni di stelle

Due versioni sono disponibili qui: http://star.herts.ac.uk/~hfarnhill/iphas-imap-copper-linear.png - http://star.herts.ac.uk/~hfarnhill/iphas-imap-copper-sqrt.png
Credit: Hywel Farnhill, University of Hertfordshire

Un nuovo impressionante ritratto delle zona nord visibile della nostra Via Lattea è stato realizzato da Geert Barentsen dell'Università dell'Hertfordshire, mettendo insieme dieci anni di osservazioni con l'Isaac Newton Telescope (INT) a La Palma, nelle Isole Canarie.
Lo scatto straordinario è stato pubblicato sulla rivista Royal Astronomical Society.

Posizione del Sistema Solare nella Via Lattea - fonte: http://en.wikipedia.org/wiki/Milky_WayCi sono posti (pochi purtroppo!) sulla Terra dove il cielo di notte è ancora molto scuro. Lontano dall'inquinamento luminoso, la Via Lattea appare come una banda biancastra che lo attraversa. E' il disco della nostra galassia, che si estende per 100.000 anni luce, visto dal nostro punto di osservazione piuttosto marginale.
Il disco contiene la maggior parte delle stelle, compreso il Sole, e le più alte concentrazioni di polveri e gas.

Ad occhio nudo fatichiamo a distinguere i singoli oggetti in questa affollata regione del cielo ma non è stato certo un problema per lo specchio da 2,5 metri del telescopio INT, che ha permesso agli scienziati di risolvere e tracciare 219 milioni di stelle separatamente, più luminose della magnitudine 20, ossia 1 milione di volte più deboli di quelle che può vedere l'occhio umano.

Utilizzando il catalogo IPHAS DR2 ("The second data release of the INT Photometric Hα Survey of the Northern Galactic Plan"), gli scienziati hanno messo insieme una vista estremamente dettagliata del disco della nostra Galassia.

Con questa release, la squadra sta offrendo alla comunità mondiale un libero accesso alle misurazioni effettuate attraverso due filtri, luce rossa al limite dello spettro visibile e una banda più stretta per catturare la riga di emissione dell'idrogeno H-alfa, che consente un'acquisizione migliore delle nebulose.

L'immagine in apertura è un estratto della mappa nella lunghezza d'onda del rosso fino a magnitudine 19.
Sugli assi è riportata la latitudine e longitudine galattica.
Anche se questa è solo una sezione del mosaico completo, i modelli di oscuramento dovuti alla polvere interstellare sono ben visibili.
Questa immagine contiene 600 x 2.400 punti di dati indipendenti, ognuno dei quali rappresenta il numero di stelle all'interno di celle di 1x1 minuti d'arco (1 minuto d'arco è 1/60 ° di grado). Nella mappa originale, ciascuna cella è formata da 32.000 pixel. La risoluzione angolare effettiva dei dati è vicino ad 1 secondo d'arco (1/3.600 di un grado).
La sezione in apertura mostra il bordo del Braccio del Sagittario (nei pressi dei 60 gradi di longitudine) e il complesso delle nubi molecolari Cygnus-X (a circa 80 gradi di longitudine).

Letto: 3942 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 27 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

Hot! (aggiornato il 27/01/21). Le manovre del...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista