Scritto: Giovedì, 16 Agosto 2012 07:32 Ultima modifica: Venerdì, 04 Gennaio 2019 09:23

Lo spettrometro del Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) rileva l'elio nell'atmosfera della Luna


Utilizzando lo spettrometro Lyman Alpha Mapping Project (LAMP) a bordo del Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO), gli scienziati hanno effettuato le prime osservazioni dell'elio che compone la debole atmosfera lunare.
Queste osservazioni vanno ad integrare i risultati ottenuti quarant'anni fa dal Lunar Atmosphere Composition Experiment (LACE) dell'Apollo17.

Rate this item
(0 votes)

Utilizzando lo spettrometro Lyman Alpha Mapping Project (LAMP) a bordo del Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO), gli scienziati hanno effettuato le prime osservazioni dell'elio che compone la debole atmosfera lunare.

Queste osservazioni vanno ad integrare i risultati ottenuti quarant'anni fa dal Lunar Atmosphere Composition Experiment (LACE) dell'Apollo17.

Sebbene sia stato progettato per mappare la superficie lunare, il LAMP è stato utilizzato per esaminare le radiazioni ultraviolette nella debole atmosfera lunare, sopra la superficie.
Poichè l'elio è un elemento presente nello spazio interplanetario, sono state applicate diverse tecniche per cercare di isolare sono l'elio originato dalla Luna.

"La domanda è: l'elio proviene dall'interno della Luna, ad esempio a causa del decadimento radioattivo delle rocce o proviene da una sorgente esterna come il vento solare?", si chiede il Dr. Alan Stern vice presidente del Space Science and Engineering Division, al Southwest Research Institute, Boulder, Colorado.

"Se il responsabile è il vento solare questo ci insegnerà molto su come lavora questo processo anche su altri corpi", ha detto Stern.

Se venissero dimostrate tali correlazioni, l'elio potrebbe prodursi all'interno della Luna ed essere sprigionato durante i terremoti lunari.

E’ stata calcolata una densità di elio di 7.000 atomi per centimetri cubici a 120 gradi Kelvin. Le osservazioni del 1972 si aggiravano tra i 10.000 e i 50.000 atomi per centimetri cubici, a seconda del momento del giorno e della temperatura. Queste differenze potrebbero essere spiegate con un raffreddamento atmosferico e la concentrazioni di atomi a quote più basse.

Durante le osservazioni future, i rilevamenti di LAMP non si limiteranno all'elio ma lo strumento indagherà anche sulla presenza e concentrazione di altri gas.

Altre informazioni su questo articolo

Read 2244 times Ultima modifica Venerdì, 04 Gennaio 2019 09:23
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 30 Giugno [updated on Jun...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 30 Giugno [Last update...

ISS height

ISS height

Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Inte...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 29/6/20 - Sol 564] Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista