Scritto: Venerdì, 15 Agosto 2014 11:47 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Il James Webb Space Telescope prende forma


Nei giorni scorsi, un elemento critico che supporterà gli specchi del telescopio è giunto al Goddard Space Flight Center per il collaudo.

Rate this item
(0 votes)

Rappresentazione artistica del JWST in configurazione operativa, con gli specchi dispiegati e il parasole in basso

Rappresentazione artistica del JWST in configurazione operativa, con gli specchi dispiegati e il parasole in basso
Credit NASA/ESA

Il James Webb Space Telescope (JWST), indicato da molti come il successore del telescopio spaziale Hubble (HST), dovrebbe essere lanciato dalla Guiana francese nel 2018.

Si tratta di un progetto ciclopico, al quale partecipa anche l'ESA, come era già successo per HST.

La realizzazione dello strumento, che lavorerà esclusivamente su lunghezze d'onda infrarosse, ha richiesto lo sviluppo di numerose tecnologie innovative; in particolare, lo specchio principale di 6.5 m. sarà in realtà composto da 18 settori esagonali in berillio, montati su una struttura di supporto divisa in tre sezioni (una fissa e due, laterali, semoventi) che si dispiegherà nello spazio.

Confronto tra gli specchi primari di HST e JWST

Confronto tra gli specchi primari di HST e JWST.
Credit: NASA

Nei giorni scorsi, la parte centrale fissa del prototipo della struttura di supporto degli specchi del telescopio, il cosiddetto "pathfinder" backplane, è giunto al Goddard Space Flight Center e nei prossimi mesi gli ingegneri lo utilizzeranno per effettuare dei test critici di assemblaggio, installando su di esso due segmenti dello specchio principale e anche lo specchio secondario (si tratta di versioni "di riserva" degli specchi che voleranno realmente).

Le immagini di seguito mostrano l'arrivo di questo elemento in areoporto e la sistemazione in una gigantesca "stanza pulita" (clean room).

L'arrivo a bordo di un C-5 nella base aerea Andrews in Maryland

L'arrivo a bordo di un C-5 nella base aerea Andrews in Maryland.
Credit: NASA/Desiree Stover

La sezione centrale del “pathfinder” backplane viene posizionata all'interno della grande "camera pulita" del NASA Goddard Center

La sezione centrale del “pathfinder” backplane viene posizionata all'interno della grande "camera pulita" del NASA Goddard Center.
Credit: NASA/Chris Gunn

Nel seguente video time-lapse è possibile vedere a velocità accelerata la procedura di "spacchettamento" del backplane all'interno della clean room.

Nell'imagine di seguito è invece mostrata un'altra sezione della stessa clean room con, in basso a sinistra, la struttura a tre esagoni BSTA (Backplane Stability Test Article) su cui verranno montati gli specchi primari e, in alto a sinistra, un involucro argentato contenente uno di tali specchi:

Immagine: Ken Kremer

Uno degli specchi primari di riserva, in berillio

Uno degli specchi primari di riserva, in berillio
Credit: Ken Kremer- kenkremer.com

La struttura sotto test dovrà soddisfare stringenti specifiche, dovendo operare a temperature comprese tra -208 e -243 °C senza deviare dalla posizione originale per oltre 38 nm (meno di 1/1000 del diametro di un capello!).

Dato che il telescopio JWST, contrariamente a HST, non potrà subire manutenzioni in orbita perchè opererà nella lontana zona di librazione lagrangiana L2 (quella dove si trova anche GAIA), i rischi sono elevati e il suo perfetto funzionamento è di importanza critica. Anche per questo i tempi e i costi di sviluppo sono cresciuti notevolmente in questi anni.

Questo articolo è in parte la traduzione di un servizio pubblicato su "Universe Today" da Ken Kremer: http://www.universetoday.com/113890/james-webb-space-telescopes-pathfinder-mirror-backplane-arrives-at-nasa-goddard-for-critical-assembly-testing/

Read 1981 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Please enable the javascript to submit this form

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 17 Agosto

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 17 Agosto).

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 16/8 [Last update: aug,16 ore 21] Reboost!

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 13/8/19). New!

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubbe Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 16/8 [Last update: aug,16].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 16/8 - Sol 254]

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 13/8/19).

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 13 agosto [updated on aug,13]

HOT NEWS