Scritto: Lunedì, 21 Luglio 2014 06:20 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Confermata l'origine extragalattica dei Fast Radio Burst


Utilizzando il radiotelescopio di Arecibo a Puerto Rico, gli scienziati hanno ascoltato una raffica di lampi radio veloci, durata una frazione di secondo, proveniente dallo spazio profondo.

La scoperta, che è stata pubblicata il 10 luglio sulla rivista Astrophysical Journal, segna la prima volta in cui un "Fast Radio Burst" (FRB) è stato registrato con uno strumento diverso dal radiotelescopio di Parkes in Australia.

Rate this item
(0 votes)

Radiotelescopio di Arecibo

Credit: NAIC - Arecibo Observatory, a facility of the NSF

Utilizzando il radiotelescopio di Arecibo a Puerto Rico, gli scienziati hanno ascoltato una raffica di lampi radio veloci, durata una frazione di secondo, proveniente dallo spazio profondo.

La scoperta, che è stata pubblicata il 10 luglio sulla rivista Astrophysical Journal, segna la prima volta in cui un "Fast Radio Burst" (FRB) è stato registrato con uno strumento diverso dal radiotelescopio di Parkes in Australia.
Fino ad oggi, infatti, l'osservatorio di Parkes era stato l'unico a rilevare alcuni di questi segnali tanto da portare alla speculazione che, in realtà, provenissero da fonti sopra o vicino alla Terra.

FAST RADIO BURST DISCOVERED IN THE ARECIBO PULSAR ALFA SURVEY [abstract]

Recent work has exploited pulsar survey data to identify temporally isolated, millisecond-duration radio bursts with large dispersion measures (DMs). These bursts have been interpreted as arising from a population of extragalactic sources, in which case they would provide unprecedented opportunities for probing the intergalactic medium; they may also be linked to new source classes. Until now, however, all so-called fast radio bursts (FRBs) have been detected with the Parkes radio telescope and its 13-beam receiver, casting some concern about the astrophysical nature of these signals. Here we present FRB 121102, the first FRB discovery from a geographic location other than Parkes. FRB 121102 was found in the Galactic anti-center region in the 1.4?GHz Pulsar Arecibo L-band Feed Array (ALFA) survey with the Arecibo Observatory with a DM = 557.4 ? 2.0 pc cm?3, pulse width of 3.0 ? 0.5 ms, and no evidence of interstellar scattering. The observed delay of the signal arrival time with frequency agrees precisely with the expectation of dispersion through an ionized medium. Despite its low Galactic latitude (b = ?0°2), the burst has three times the maximum Galactic DM expected along this particular line of sight, suggesting an extragalactic origin. A peculiar aspect of the signal is an inverted spectrum; we interpret this as a consequence of being detected in a sidelobe of the ALFA receiver. FRB 121102's brightness, duration, and the inferred event rate are all consistent with the properties of the previously detected Parkes bursts.

"Il nostro risultato è importante perché elimina ogni dubbio, queste esplosioni radio sono veramente di origine cosmica", ha detto Victoria Kaspi, professore di astrofisica presso la McGill University di Montreal e ricercatore principale del progetto.
"Le onde radio mostrano chiaramente di provenire da lontano, fuori della nostra galassia, una prospettiva davvero emozionante".

La causa di questi brevissimi segnali isolati, lampi di onde radio che durano solo pochi millesimi di secondo e appaiono senza preavviso nel cielo, rimane ancora un enigma per gli astrofisici.
Le possibilità includono una vasta gamma di oggetti esotici, come l'evaporazione di buchi neri, la fusioni di stelle di neutroni, o fenomeni legati alle magnetar, stelle di neutroni con un potentissimo campo magnetico.

Si stima che queste esplosioni avvengano nel cielo circa 10.000 volte al giorno ma la loro imprevedibilità e breve durata ne rende difficile la rilevazione.

Tuttavia, la svolta è arrivata con l'impulso insolito rilevato il 2 novembre 2012, dal Radiotelescopio di Arecibo, il più sensibile del mondo con 305 metri di diametro, che conferma i risultati pubblicati giusto un anno fa, quando il telescopio da 64 metri CSIRO Parkes in Australia, aveva individuato quattro segnali misteriosi di probabile origine extragalattica.

"La luminosità e la durata di questo evento, e la velocità dedotta con cui avvengono queste esplosioni, sono tutti dati coerenti con le proprietà delle raffiche rilevate precedentemente dal telescopio Parkes in Australia", ha detto Laura Spitler, l'autore del nuovo studio.

Le misurazioni basate sulla dispersione del segnale, confermano che questi lampi provengono da oltre la Via Lattea.
Il segnale rilevato dal telescopio di Arecibo, ad esempio, presenta una dispersione oltre tre volte superiore al valore massimo che ci si aspetterebbe da una fonte all'interno della nostra Galassia.

Il prossimo passo sarà cercare di osservare questi eventi con strumenti in grado di monitorare vaste aree del cielo.

Letto: 2868 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 25 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista