Scritto: Giovedì, 10 Luglio 2014 05:49 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Le forze di marea: un elemento chiave per la vita sui pianeti extrasolari simili alla terra


Nuovi modelli sui pianeti extrasolari simili alla Terra, in orbite particolarmente difficili, dimostrano che le forze di marea rappresentano uno degli elementi chiave per la loro sopravvivenza.

Un mondo potenzialmente abitabile, infatti, che orbita alla giusta distanza dalla propria stella perché possa esistere acqua allo stato liquido sulla sua superficie, potrebbe essere disturbato dalla presenza di un gigante gassoso, che renderebbe impossibile la vita. Ma l'attrito genera calore e, anche se il calore a volte è distruttivo, la giusta quantità è un punto a favore per creare condizioni favorevoli di abitabilità.

Rate this item
(0 votes)

Gli effetti delle forze di marea sui pianeti extrasolari multistrato

Credit: NASA's Goddard Space Flight Center

Nuovi modelli sui pianeti extrasolari simili alla Terra, in orbite particolarmente difficili, dimostrano che le forze di marea rappresentano uno degli elementi chiave per la loro sopravvivenza.

Un mondo potenzialmente abitabile, infatti, che orbita alla giusta distanza dalla propria stella perché possa esistere acqua allo stato liquido sulla sua superficie, potrebbe essere disturbato dalla presenza di un gigante gassoso, che renderebbe impossibile la vita. Ma l'attrito genera calore e, anche se il calore a volte è distruttivo, la giusta quantità è un punto a favore per creare condizioni favorevoli di abitabilità.

Le simulazioni suggeriscono che, un'orbita particolarmente eccentrica diventerebbe più circolare abbastanza rapidamente, in qualche migliaio di anni, sotto l'azione delle forze di marea.

"Una notizia inaspettata per i pianeti in orbite vulnerabili", ha detto Wade Henning, dell'Università del Maryland, scienziato del NASA Goddard Space Flight Center di Greenbelt nel Maryland, autore principale del nuovo studio. "E' risultato che queti pianeti riescono ad avere un attrito appena sufficiente per essere fuori pericolo".

I modelli sui giovani sistemi planetari indicano che spesso le orbite dei giganti gassosi sconvolgono quelle di corpi interni. Anche se queste interazioni non sono immediatamente catastrofiche, con il tempo, possono spingere i pianeti minori in un orbita molto eccentrica, aumentando la proabilità di un destino segnato contro la loro stella madre, o espulsi dal sistema.
Un'altro pericolo per le orbite eccentriche è la quantità di stress, dovuto alle forze mareali, a cui il corpo è sottoposto durante i passaggi vicino alla stella madre. Qui, la forza gravitazionale è sufficiente a deformare il pianeta che riprende la sua forma quando si allontana nell'orbita. Questa azione di flessione produce attrito, che, a sua volta, genera calore. In casi estremi, lo stress di marea può produrre abbastanza calore da liquefare il pianeta.

Nel nuovo studio, disponibile online dal 1 luglio 2014 sulla rivista Astrophysical Journal, Henning e il suo collega Terry Hurford, uno scienziato planetario presso Goddard, ha esplorato gli effetti delle sollecitazioni di marea su pianeti multistrato, con una crosta rocciosa, un mantello e un nucleo di ferro, di dimensioni pari alla Terra e fino a 2,5 volte più grandi.

TIDAL HEATING IN MULTILAYERED TERRESTRIAL EXOPLANETS [abstract]

The internal pattern and overall magnitude of tidal heating for spin-synchronous terrestrial exoplanets from 1 to 2.5 RE is investigated using a propagator matrix method for a variety of layer structures.
Particular attention is paid to ice-silicate hybrid super-Earths, where a significant ice mantle is modeled to rest atop an iron-silicate core, and may or may not contain a liquid water ocean.
We find multilayer modeling often increases tidal dissipation relative to a homogeneous model, across multiple orbital periods, due to the ability to include smaller volume low viscosity regions, and the added flexure allowed by liquid layers.
Gradations in parameters with depth are explored, such as allowed by the Preliminary Earth Reference Model. For ice-silicate hybrid worlds, dramatically greater dissipation is possible beyond the case of a silicate mantle only, allowing non-negligible tidal activity to extend to greater orbital periods than previously predicted. Surface patterns of tidal heating are found to potentially be useful for distinguishing internal structure.
The influence of ice mantle depth and water ocean size and position are shown for a range of forcing frequencies.
Rates of orbital circularization are found to be 10-100 times faster than standard predictions for Earth-analog planets when interiors are moderately warmer than the modern Earth, as well as for a diverse range of ice-silicate hybrid super-Earths.
Circularization rates are shown to be significantly longer for planets with layers equivalent to an ocean-free modern Earth, as well as for planets with high fractions of either ice or silicate melting.

La ricerca conclude che alcuni pianeti posso spostarsi in un'orbita sicura da 10 a 100 volte più velocemente rispetto a quanto previsto, con un minimo di poche centinaia di migliaia anni, invece del tasso tipico di diversi milioni di anni. Questi arriverebbero quasi al punto di fusione, o avrebbero almeno uno strato quasi fuso, simile al mantello terrestre. Le temperature interne sarebbero variabili, relativamente calde, rispetto al nostro pianeta, fino al punto di avere oceani di magma di modeste dimensioni. 

La transizione verso un'orbita circolare sarebbe veloce perché uno strato quasi fuso si flette facilmente, generando molto calore per attrito. Mentre il pianeta butta via il calore, perde energia con un ritmo veloce, rilassandosi rapidamente in un'orbita circolare. Quando il riscaldamento mareale si attenua, la superficie del pianeta diventa solida.

Al contrario, un mondo completamente fuso sarebbe così fluido da produrrebbe poco attrito e quindi dissiperebbe meno calore conservando energia.
Prima di questo studio, questo era considerato lo stato tipico dei corpi soggetti a forti sollecitazioni di marea.

I pianeti freddi e rigidi, invece, tendono a resistere allo stress delle maree e rilasciano energia molto lentamente.
In realtà, Henning e colleghi hanno scoperto che molti di questi corpi generano meno attrito di quanto ci si pensasse, soprattutto se il pianeta in questione è abbastanza lontano dalla sua stella.
Il vantaggio è che, se questi mondi non vengono influenzati da altri corpi, possono rimanere stabili nelle loro orbite eccentriche per lungo tempo.
"In questo caso, le orbite più lunghe non circolari potrebbero aumentare la 'zona abitabile' perché lo stress di marea rimarrà una fonte di energia per lunghi periodi di tempo", ha detto Hurford. "Questa è una grande scoperta per le stelle deboli o i mondi di ghiaccio con oceani sotto la superficie".

Se il pianeta, poi, è coperto da uno spesso guscio di ghiaccio, il riscaldamento può essere sorprendente.
Anche se una lastra di ghiaccio è una superficie scivolosa a basso attrito, uno strato di ghiaccio di migliaia di chilometri di spessore è molto elastico.
Un guscio così avrebbe le caratteristiche giuste per rispondere con forza alle sollecitazioni di marea, generando molto calore.
Una buona notizia per i mondi come Europa, il satellite di Giove, che ha già un posto in prima fila tra luoghi extraterrestri potenzialmente abitabili vicino a noi, dove un oceano sotterraneo sarebbe riscaldato dalle interazioni con il gigante gassoso.

Read 2541 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 22 Febbraio

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 21 Febbraio) 

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 22 Febbraio [Last update: 02/22/2020

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 9/12/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 22 Febbraio [Last update: 02/22/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 22/2/20 - Sol 440] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 17/2/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 14 Febbraio [updated on Feb,14]

HOT NEWS