Scritto: Martedì, 27 Maggio 2014 08:45 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

L'eterogenea distribuzione dell'acqua sulla Luna


Un team di ricercatori, che si sta occupando di studiare i campioni lunari riportati sulla Terra dagli astronauti dell'Apollo 17, ha scoperto che, rocce provenienti da luoghi diversi sulla Luna, contengono concentrazioni di acqua differenti.

Il loro lavoro è stato pubblicato sulla rivista Nature Geoscience.

Rate this item
(0 votes)

Orange Soil - campione lunare 74220 Apollo 17

Credit: G.J. Taylor, HIGP

Un team di ricercatori, che si sta occupando di studiare i campioni lunari riportati sulla Terra dagli astronauti dell'Apollo 17, ha scoperto che, rocce provenienti da luoghi diversi sulla Luna, contengono concentrazioni di acqua differenti.

Il loro lavoro è stato pubblicato sulla rivista Nature Geoscience.

Katharine Robinson e G. Jeffrey Taylor, dell’Istituto di Geofisica e Planetologia dell’Università delle Hawaii di Honolulu hanno analizzato l'acqua intrappolata all'interno dei campioni delle rocce lunari, scoprendo che alcune hanno un contenuto di acqua superiore rispetto ad altre, variando anche nella composizione chimica, a seconda del luogo di provenienza.

I risultati dimostrano una distribuzione eterogenea dell'acqua sulla superficie del nostro satellite, per quantità e caratteristiche, andando ad aggiungere indizi sulla sua origine e formazione.

Molti scienziati ritengono, infatti, che la Luna sia nata circa quattro miliardi e mezzo di anni fa a seguito di una grande collisione tra la Terra e un altro pianeta. E' opinione generale che una parte della Luna arrivi quindi dalla Terra e il resto dall'altro corpo, comete e asteroidi.
Così, anche l'acqua potrebbe provenire sia dal nostro pianeta che dalla'altro oggetto coinvolto nella collisione o dalle comete.

Questo studio sembrerebbe supportare pienamente tale teoria: la composizione chimica dell'acqua contenuta nei vetri vulcanici lunari è simile ai campioni di magma che una volta risiedevano nel mantello terrestre ma in altri casi, l'acqua sembra testimoniare una provenienza diversa.

Probabilmente, la formazione della Luna è stata una successione di eventi molto più complessa di quanto teorizzato finora.

Heterogeneous distribution of water in the Moon [abstract]

Initial analyses of lunar samples returned by the Apollo missions indicated that the Moon was essentially devoid of water. However, improved analytical techniques have revealed that pyroclastic glass beads in Apollo samples contain measurable amounts of water.

Taking into account volatile loss during eruption of the glass beads onto the surface, the pre-eruption magma could have contained water on the order of 100 ppm by weight, concentrations that are similar to the mantle sources of mid-ocean ridge basalts on Earth. Lava flows from vast basaltic plains — the lunar maria — also contain appreciable amounts of water, as shown by analyses of apatite in mare basalt samples.
In contrast, apatite in most non-mare rocks contains much less water than the mare basalts and glass beads.
The hydrogen isotopic composition of lunar samples is relatively similar to that of the Earth's interior, but the deuterium to hydrogen ratios obtained from lunar samples seem to have a larger range than found in Earth's mantle.

Thus, measurements of water concentration and hydrogen isotopic composition suggest that water is heterogeneously distributed in the Moon and varies in isotopic composition. The variability in the Moon's water may reflect heterogeneity in accretion processes, redistribution during differentiation or later additions by volatile-rich impactors.

Read 1470 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 18 Febbraio

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 17 Febbraio) 

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 18 Febbraio [Last update: 02/18/2020

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 9/12/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 18 Febbraio [Last update: 02/18/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 16/2/20 - Sol 434] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 17/2/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 14 Febbraio [updated on Feb,14]

HOT NEWS