Scritto: Giovedì, 08 Maggio 2014 06:13 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

L'impronta magnetica della nostra galassia rilevata da Planck


Una nuova immagine del telescopio spaziale Plank dell'Agenzia Spaziale Europea ESA svela le linee del campo magnetico della Via Lattea.
Una vera e propria mappa delle impronte digitali della nostra Galassia che permetterà agli astronomi di studiare la struttura del campo magnetico e comprendere meglio i processi di formazione stellare.

Rate this item
(0 votes)

Planck: impronta magnetica della Via Lattea

Credit: ESA and the Planck Collaboration

Una nuova immagine del telescopio spaziale Plank dell'Agenzia Spaziale Europea ESA svela le linee del campo magnetico della Via Lattea.
Una vera e propria mappa delle impronte digitali della nostra Galassia che permetterà agli astronomi di studiare la struttura del campo magnetico e comprendere meglio i processi di formazione stellare.

La missione era stata interrotta il 23 ottobre 2013, quando il satellite era stato inserito in un'orbita eliocentrica ed comandato lo switch-off, ma gli scienziati stanno ancora analizzando una grande mole di dati alla ricerca di ulteriori indizi sulla storia dell'Universo.

Misurando la polarizzazione della luce emessa dai grani di polvere microscopici che riempiono il mezzo interstellare, sono riusciti ad ottenere la mappa completa del campo magnetico della nostra Galassia.

La luce polarizzata può essere descritta come un'onda di campi elettrici e magnetici che vibrano in direzioni ortogonali tra loro e alla loro direzione di marcia. Di solito, questi campi possono vibrare in tutte le direzioni ma se ne preferiscono alcune, allora la luce si dice "polarizzata".

E' quello che può accadere quando una luce rimbalza su una superficie riflettente come uno specchio o il mare.
Esistono anche dei filtri che assorbono la luce polarizzata, come le lenti degli occhiali da sole che eliminano l'abbagliamento.

Nello spazio, la luce emessa dalle stelle, dai gas e dalla polvere può diventare polarizzata in vari modi, che dipendono dai campi magnetici.

"Questa è l'immagine migliore che abbiamo mai ottenuto del campo magnetico della Via Lattea per una parte di cielo così ampia", ha detto Charles Lawrence, scienziato statunitense del progetto Planck, presso al Jet Propulsion Laboratory della NASA, Pasadena, California.

L'immagine è una proiezione Mollweide del piano della sfera celeste, con il piano della galassia allineato con l'asse orizzontale dell'ovale.
Alcune aree, per lo più quelle alle alte latitudini galattiche, sono state mascherate. Si tratta per lo più di zone a bassa intensità.

Le linee visibili ad arco e i vortici, invece, tracciano la struttura del campo magnetico della Via Lattea.
Le regioni più scure corrispondono ad una forte emissione polarizzata e le righe indicano la direzione del campo magnetico, proiettata sul piano del cielo.

La banda scura che corre orizzontalmente attraverso il centro corrisponde al piano galattico.

Il 17 marzo scorso era stato annunciato che l'esperimento BICEP2 (Background Imaging of Cosmic Extragalactic Polarization), condotto presso il South Pole Telescope (SPT) era riuscito a rilevare le firme delle onde gravitazionali primordiali confermando la teoria dell'Universo Inflazionato, grazie ad segnale polarizzato, non dovuto però ai grani di polvere ed ai campi magnetici ma al debole segnale impresso nella radiazione cosmica di fondo ed alle indefinite onde gravitazionali primordiali.

Ora, ci si potrebbe chiedere se la mappa di Planck possa in qualche modo confermare i risultati dell'esperimento BICEP2. Nella press release dell'INAF, risponde Reno Mandolesi, responsabile dello strumento LFI di Planck e associato INAF:

"È la mappa della polvere a latitudini galattiche basse e intermedie: sono dunque escluse le regioni nelle quali l’incidenza della polvere è bassa, le più utili per fare cosmologia, fra le quali la porzione di cielo osservata da BICEP2. Perciò non è da questa mappa che si potranno trarre elementi utili a confermare, o meno, il risultato di BICEP2. Però ci dice che i risultati in polarizzazione sono già qui che mordono, e che probabilmente avranno un maggior impatto rispetto a quelli in temperatura resi pubblici nel 2013. In ogni caso, non esistono a oggi mappe così precise della polarizzazione della polvere nella nostra galassia. E questo ci fa ben sperare circa la capacità di Planck di confermare o meno l’esistenza dei cosiddetti “modi B” della CMB che BICEP2 afferma di aver misurato".

Lo studio verrà pubblicato sulla rivista Astronomy & Astrophysics.

Letto: 1760 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 20 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista