La nuova foto testimonia ancora tutta la potenza del JWST che in questo scatto è riuscito a vedere anche gli anelli più polverosi e deboli, finora fotografati solo dalla Voyager 2 mentre sorvolava il pianeta nel 1986 e l'Osservatorio Keck con ottiche adattive avanzate.

Questa immagine nell'infrarosso della Near-Infrared Camera (NIRCam) di Webb combina le lunghezze d'onda a 1,4 e 3,0 micron, a cui sono stati rispettivamente assegnati i colori blu e arancione nella composizione. Con solo due filtri e 12 minuti di esposizione, è solo la punta dell'iceberg di quello che il JWST è in grado di fare. 
Questa osservazione segue le orme dell'immagine di Nettuno rilasciata nel 2022.

 

Urano

Urano è unico nel nostro Sistema Solare. È il settimo il settimo pianeta dal Sole e ruota su un lato, formando un angolo di circa 90 gradi con il suo piano orbitale. Questa configurazione, abbinata a un moto di rivoluzione attorno al Sole che impiega 84 anni,  causa stagioni estreme poiché i poli del pianeta sperimentano molti anni di luce solare costante, seguiti da un numero uguale di anni nella completa oscurità.
Attualmente, è tarda primavera per il polo nord visibile in questa immagine. L'estate settentrionale di Urano inizierà nel 2028. Al contrario, quando Voyager 2 visitò il pianeta era estate al polo sud che ora si trova sul "lato oscuro", fuori dalla vista e immerso nel buio dello spazio.

Quando Voyager 2 osservò Urano, la sua fotocamera mostrò una sfera blu-verde quasi informe nelle lunghezze d'onda visibili. Con le lunghezze d'onda infrarosse di Webb vediamo più dettagli, che mostrano quanto sia realmente dinamica l'atmosfera

Sul lato rivolto verso il Sole, si può notare un'area luminosa verso il polo nord, nota come calotta polare. Questa caratteristica è unica di Urano: sembra apparire quando il polo entra nella luce solare diretta in estate e svanire in autunno. Webb è riuscito anche a risolvere leggere variazioni cromatiche, come la zona appena più luminosa al centro della calotta che fino ad ora non era mai stata osservata così chiaramente.

Sul bordo della calotta polare si trova una nuvola luminosa e alcune caratteristiche estese più deboli appena oltre il bordo e una seconda nuvola molto luminosa è visibile all'estremità sinistra del pianeta. Tali nuvole sono tipiche di Urano nelle lunghezze d'onda dell'infrarosso e probabilmente sono collegate all'attività delle tempeste.

Questo pianeta è classificato come un gigante di ghiaccio a causa della composizione chimica del suo interno. Si pensa che la maggior parte della sua massa sia un fluido caldo e denso di materiali "ghiacciati", acqua, metano e ammoniaca, sopra un piccolo nucleo roccioso.

urano anelli lune

Questa vista panoramica del sistema uraniano, ripresa con lo strumento NIRCam di Webb, presenta il pianeta e sei delle sue 27 lune conosciute. Si vedono anche una manciata di oggetti sullo sfondo, tra cui molte galassie.
Crediti: NASA, ESA, CSA, STScI. Elaborazione immagini: J. DePasquale (STScI)

 

Gli anelli

Urano ha 13 anelli conosciuti e 11 di essi sono visibili in questa immagine di Webb. Alcuni di questi anelli sono così luminosi nell'immagine del JWST che sembrano fondersi in un anello più grande.
Nove sono classificati come anelli principali e due sono gli anelli polverosi più deboli (come l'anello zeta diffuso più vicino al pianeta) che non sono stati scoperti fino al sorvolo del 1986 di Voyager 2. Gli scienziati si aspettano che le future immagini Webb di Urano mostrino anche i due deboli anelli esterni, scoperti da Hubble nel 2007.

Le lune

Webb ha anche catturato 6 delle 27 lune conosciute di Urano (la maggior parte delle quali sono troppo piccole e deboli per essere viste anche in questa osservazione).