Scritto: Giovedì, 10 Aprile 2014 20:42 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Sistema MOA-2011-BLG-262: forse un pianeta extrasolre con la sua esoluna


Un team di astronomi potrebbe aver individuato la prima esoluna rocciosa in orbita intorno ad un pianeta alieno, un gigante gassoso tipo Giove.

La scoperta però non è stata confermata e probabilmente non lo sarà mai dato che risale ad un incontro casuale ed unico di oggetti della nostra Galassia osservato nel 2011.

Rate this item
(0 votes)

Exomoon

Credit: NASA/JPL-Caltech

Un team di astronomi potrebbe aver individuato la prima esoluna rocciosa in orbita intorno ad un pianeta alieno, un gigante gassoso tipo Giove.

La scoperta però non è stata confermata e probabilmente non lo sarà mai dato che risale ad un incontro casuale ed unico di oggetti della nostra Galassia osservato nel 2011.

"Non avremo la possibilità di osservare di nuovo l'esoluna candidata", ha dichiarato David Bennett dell'Università di Notre Dame, Indiana, autore del nuovo documento presentato e pubblicato sulla rivista Astrophysical Journal.
"Ma ci aspettiamo altri oggetti come questo".

Il dubbio, quindi, rimane e l'esoluna potrebbe essere in realtà una piccola stella intorno alla quale orbita un pianeta circa 18 volte più massiccio della Terra.

Lo studio internazionale è legato ai programmi Japan-New Zealand-American Microlensing Observations in Astrophysics (MOA) e Probing Lensing Anomalies NETwork (PLANET), che utilizzano i telescopi in Nuova Zelanda e Tasmania.

La loro tecnica di osservazione è chiamata microlensing gravitazionale (microlente gravitazionale) e si avvale di allineamenti casuali tra le stelle.

Quando una stella in primo piano passa tra noi e una stella più lontana, quella più vicina agisce da lente di ingrandimento, mettendo a fuoco ed amplificando la luce di quella più lontana.
Eventi che generalmente durano circa un mese.

Se la stella in primo piano, o lente, ha un pianeta in orbita, allora anch'esso agirà da seconda lente, illuminando o oscurando a sua volta.
Scrutando con attenzione questi passaggi, gli astronomi riescono a calcolare la massa della stella in primo piano rispetto al suo pianeta.

A volte, però, l'oggetto in primo piano potrebbe non essere una stella ma un pianeta ed in questo caso, si potrebbe misurare la massa del pianeta rispetto al suo compagno orbitante, una luna.

Da diverso tempo gli astronomi sono alla ricerca di esolune, per esempio sfruttando i dati della missione della NASA Kepler ma finora senza successo.

In questo studio, la natura dell'oggetto in primo piano, ossia della lente, non è chiara.
Il rapporto tra il corpo più grande e la compagna più piccola è 2.000 a 1: ciò significa che la coppia potrebbe essere una piccola e debole stella circondata da un pianeta circa 18 volte la massa della Terra, o un pianeta più massiccio di Giove con un luna più piccola della Terra.

Purtroppo nessuno sa dire quale di queste due interpretazioni sia corretta.

"I modelli dei ricercatori puntano sulla luna ma se si pensa semplicemente a quale scenario è più probabile in natura, la soluzione vincente è una stella", spiega Wes Traub, scienziato presso il NASA Exoplanet Exploration Program del Jet della NASA Propulsion Laboratory, Pasadena, in California, non coivolto nello studio.

La soluzione al mistero sarebbe capire la distanza a cui si trovano questi corpi: una coppia di massa inferiore, più vicina alla Terra, produrrà lo stesso tipo di evento di amplificazione / oscuramento di una coppia più massiccia e più lontano.
Ma una volta che l'effetto lente è finito fare calcoli diventa impossibile, perciò la vera identità della esoluna candidata e del suo compagno, un sistema soprannominato MOA-2011-BLG-262, rimarrà sconosciuta.

Read 2188 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 16 Febbraio

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 17 Febbraio) 

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 14 Febbraio [Last update: 02/14/2020

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 9/12/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 14 Febbraio [Last update: 02/14/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 16/2/20 - Sol 434] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 12/1/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 14 Febbraio [updated on Feb,14]

HOT NEWS