Scritto: Lunedì, 16 Gennaio 2023 06:17 Ultima modifica: Martedì, 17 Gennaio 2023 04:50

Sfiorati da 2023 AV


La sera di giovedì questo piccolo asteroide è passato a meno di 10000 km di altezza, è stato il primo incontro estremamente ravvicinato del 2023 e il 3° più prossimo degli ultimi 12 mesi

Rate this item
(2 votes)
Traiettoria geocentrica di 2023 AV (in verde), sono rappresentate anche l'orbita terrestre e lunare.
Traiettoria geocentrica di 2023 AV (in verde), sono rappresentate anche l'orbita terrestre e lunare.
Credits: IAU / Minor Planet Center - Processing: Marco Di Lorenzo

 Lo si è saputo solo ieri ma, alle 21:09 del 12 gennaio, un oggetto con diametro presunto di poco inferiore ai 3 metri è giunto a circa 9180 km dalla superficie terrestre, sfrecciando a 54200 km/h. Il primo avvistamento di 2023 AV è avvenuto solo 9 ore dopo il massimo avvicinamento, ad opera dei telescopi "Catalina Sky Survey" e "Steward Observatory" di Mt. Lemmon, entrambi in Arizona. In quel momento, l'oggetto si era già portato oltre l'orbita lunare ed appariva piuttosto debole (magnitudine 19) ma, se qualcuno fosse riuscito a vederlo durante il momento dell'approccio, sarebbe apparso come una velocissima stella di 14a magnitudine.

2023 AV orbit

Posizione attuale e orbita di 2023 AC (in blu la porzione sotto l'eclittica, in giallo quella sopra - Credits: IAU / Minor Planet Center - Processing: Marco Di Lorenzo

Purtroppo, la geometria dell'incontro era sfavorevole perchè, nelle ore immediatamente precedenti l'approccio, l'oggetto era prospetticamente vicino al Sole (non più di 31°); questo ne ha ritardato la scoperta e ha impedito l'osservazione alla minima distanza. Di fatto, se fosse stato più grande avesse incrociato la Terra solo qualche minuto più tardi, l'impatto sarebbe stato senza alcun preavviso e avrebbe potuto causare una piccola catastrofe. Questa è esattamente la situazione che si potrebbe evitare in futuro, con il lancio del satellite NEO Surveyor, previsto non prima di metà 2028.

 Dalla ricostruzione dell'orbita, sappiamo che l'asteroide ha un'orbita piuttosto allungata ed inclinata, con distanze dal Sole che oscillano tra quella di Venere e quella di Marte, grossomodo. Anche nel 1986 deve essere passato molto vicino a noi (circa 400mila km) e potrebbe farlo di nuovo nel lontano 2099. Tuttavia, lo ribadiamo, con quelle dimensioni non potrebbe causare danni in quanto finirebbe per disintegrarsi completamente nell'atmosfera.

NEO asteroidi Closest0115d

 Come si vede nelle due tabelle qui sopra, tratte dalla nostra rubrica NeoNews, l'incontro ravvicinato è stato il terzo più ravvicinato negli ultimi 12 mesi, il 16° di tutti i tempi!

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 287 volta/e Ultima modifica Martedì, 17 Gennaio 2023 04:50

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Gli ultimi articoli di Marco Di Lorenzo (DILO)

Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 3 febbraio

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 2 febbraio. Statistiche su...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB