Scritto: Mercoledì, 26 Marzo 2014 20:25 Ultima modifica: Giovedì, 21 Luglio 2016 17:06

Sorpresa! 2012 VP113, forse un pianeta nano oltre l'orbita di Plutone


Il Sistema Solare allarga famiglia!
Analizzando i dati ottenuti da osservazioni terrestri, gli astronomi hanno annunciato oggi la scoperta di un nuovo oggetto oltre l'orbita di Plutone, ai confini del nostro Sistema Solare.

Chiamato 2012 VP113, con un diametro di 450 chilometri, è forse un pianeta nano, ossia un corpo in orbita intorno al Sole, con una massa sufficiente affinché la sua stessa gravità riesca a conferire una forma sferica.

Rate this item
(0 votes)

Pianeta nano 2012 VP113

Credit: Scott S. Sheppard: Carnegie Institution for Science

Il Sistema Solare allarga famiglia!
Analizzando i dati ottenuti da osservazioni terrestri, gli astronomi hanno annunciato oggi la scoperta di un nuovo oggetto oltre l'orbita di Plutone, ai confini del nostro Sistema Solare.

Provvisoriamente chiamato 2012 VP113, ed affettuosamente soprannominato "Biden", con un diametro di circa 450 chilometri, è forse un pianeta nano, ossia un corpo in orbita intorno al Sole, con una massa sufficiente affinché la sua stessa gravità riesca a conferire una forma sferica.

Lo studio completo è stato pubblicato oggi sulla rivista Nature.

Le osservazioni, effettuate con la camera Dark Energy Camera (DECam) montata sul telescopio NOAO di 4 metri del National Optical Astronomy Observatory in Cile, sono state guidate da Chadwick Trujillo del Gemini Observatory delle Hawaii e da Scott Sheppard del Carnegie Institution in Washington. Mentre il telescopio Magellan, di 6,5 metri, presso il Carnegie Institution of Washington sempre in Cile, è stato utilizzato per determinare l'orbita ed ottenere informazioni dettagliate sulle proprietà superficiali.

L'immagine composta in apertura, i cui frame sono visibili singolarmente qui sotto, è composta da 3 scatti, ciascuno preso a circa 2 ore di distanza l'uno dall'altro. I canali rosso, verde e blu sono stati artificialmente assegnati per evidenziare il movimento del corpo rispetto alle stelle e galassie di sfondo.

Pianeta nano 2012 VP113

Credit: Scott Sheppard/Carnegie Institution for Science

"La scoperta di 2012 VP113 dimostra che le più esterne regioni del nostro Sistema Solare non sono un deserto vuoto, come una volta si credeva", ha dichiarato Trujillo. "Invece, questa è solo la punta dell'iceberg che mostra che ci sono molti corpi interni alla Nube di Oort che attendo di essere scoperti. Questo evidenzia anche quanto poco sappiamo sulle parti più remote del nostro Sistema Solare e quanto ancora dobbiamo esplorare".

Il nostro Sistema Solare conosciuto è costituito da pianeti rocciosi come la Terra più vicini al Sole, da gassosi giganti più lontano, e da oggetti ghiacciati nella fascia di Kuiper, appena dopo l'orbita di Nettuno. Oltre, sembra esserci una sorta di confine, dove fino ad oggi orbitava in solitudine l'unico oggetto conosciuto, Sedna, molto più piccolo di Plutone, scoperto il 14 novembre 2003 da Michael Brown (California Institute of Technology), Chad Trujillo (Osservatorio Gemini) e David Rabinowitz (Università Yale).

Sedna si trova esternamente alla fascia di Kuiper ed insieme all'ultimo arrivato, 2012 VP113, possono essere probabilmente considerati i primi due elementi osservati della nube di Oort interna.

Sistema Solare

Credit: NASA

"La ricerca di questi oggetti lontani della nube di Oort interna, al di là di Sedna e 2012 VP113, dovrebbe continuare, in quanto potrebbero raccontarci molto sull'origine e l'evoluzione del nostro Sistema Solare", spiega Sheppard.

Sheppard e Trujillo hanno calcolato che potrebbero esistere circa 900 oggetti con orbite simili a Sedna e a 2012 VP113, con dimensioni superiori a 1.000 chilometri.
Alla fine, la popolazione totale della nube di Oort interna è probabilmente maggiore di quella della fascia di Kuiper e la fascia principale degli asteroidi.

"Alcuni di questi oggetti della nube di Oort interna potrebbero rivaleggiare con le dimensioni di Marte o addirittura della Terra ", ha detto Sheppard. "Questo perché molti degli oggetti della nube di Oort interna sono così lontani che, anche se molto grandi, rimangono troppo deboli per essere rilevati con le attuali tecnologie".

Pianeta nano 2012 VP113 perielio

Credit: Scott Sheppard/Carnegie Institution for Science

2012 VP113 è stato scoperto, come Sedna, nel momento in cui si trovava più vicino al Sole, ossia al suo perielio, a circa 80 UA (1 UA, Unità Astronomica, è circa 150 milioni di chilometri).
I pianeti e gli asteroidi si trovano tra 0,39 e 4,2 UA; i giganti gassosi tre 5 e 30 UA, mentre la fascia di Kuiper (composta da centinaia di migliaia di oggetti ghiacciati, tra cui Plutone, declassato a pianeta nano nel 2006) varia dalle 30 alle 50 UA, che rappresenta un bordo nel nostro Sistema Solare, lontano da ogni influenza significativa con Nettuno. Fino alla scoperta di 2012 VP113 solo Sedna era noto per avvicinarsi al Sole fino a 76 UA, rimanendo significativamente al di là di questo confine esterno per tutta la sua orbita.

Pianeta nano 2012 VP113 orbita

Credit: Scott Sheppard/Carnegie Institution for Science

Qui sopra è schematizzato il nostro Sistema Solare: le orbite dei quattro pianeta gigante, Giove, Saturno, Urano e Nettuno sono rappresentati dai cerchi pieni viola; la Cintura di Kuiper (compreso Plutone) è indicata dalla regione in azzurro punteggiato appena al di là dei pianeti giganti; l'orbita di Sedna è quella in arancione mentre orbita di 2012 VP113 è in rosso.

Ma se da una parte le osservazioni del cielo in infrarosso continuano a smentire la presenta di un ipotetico Pianeta X, le orbite di Sedna e 2012 VP113, che si allontanano dal Sole per centinaia di UA, suggeriscono una storia diversa: potrebbero essere influenzate dalla presenza di un pianeta ancora sconosciuto, forse grande fino a 10 volte le dimensioni della Terra.

Riferimenti:
http://home.dtm.ciw.edu/users/sheppard/inner_oort_cloud/

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 6663 volta/e Ultima modifica Giovedì, 21 Luglio 2016 17:06
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 14/1/21 - Sol 758] - Mete...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 12 Gennaio [Last ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 gennaio [Last update...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 10/11/20). Le manovre della so...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista