Lunedì 20 Novembre 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Le zebrate fasce di Van Allen

Gli scienziati hanno individuato una nuova struttura persistente in una delle due ciambelle di radiazioni che circondano la Terra, chiamate fasce di Van Allen.
La scoperta arriva dalle due omonime sonde gemelle della NASA, le Van Allen, che hanno dimostrato che gli elettroni ad alta energia, nella fascia di radiazione interna, seguono un modello zebrato.

Fasce di Van Allen

Credit: NASA

Gli scienziati hanno individuato una nuova struttura persistente in una delle due ciambelle di radiazioni che circondano la Terra, chiamate fasce di Van Allen.
La scoperta arriva dalle due omonime sonde gemelle della NASA, le Van Allen, che hanno dimostrato che gli elettroni ad alta energia, nella fascia di radiazione interna, seguono un modello zebrato.

Sorprendentemente, questo schema è prodotto dalla lenta rotazione della Terra, finora considerata incapace di influenzare il moto delle particelle ultrarelativistiche, che si muovono a velocità prossime alla velocità della luce, all'interno delle fasce.

Si è sempre creduto che la maggior attività nelle due zone di radiazioni, fosse dovuta ed influenzata dal vento solare ma queste zebrature persistono anche nei periodi di bassa attività solare, suggerendo un'origine diversa.

L'inatteso risultato è stato pubblicato sul numero del 20 marzo 2014 della rivista Nature.

"E' grazie alla risoluzione senza precedenti del nostro esperimento sulle particelle energetiche, RBSPICE, che ora sappiamo che gli elettroni nella fascia interna sono organizzati in modelli zebrati", ha detto Aleksandr Ukhorskiy, Johns Hopkins Laboratorio di Fisica Applicata, o APL, a Laurel, Maryland, autore principale dello studio.

Il Radiation Belt Storm Probes Ion Composition Experiment (RBSPICE) è un spettrometro, a bordo delle sonde, utilizzato per misurare l’energia di protoni, elettroni e ioni.

"Inoltre, le nostre simulazioni identificano chiaramente che il meccanismo di creazione di questi modelli è la rotazione della Terra. E' veramente umiliante per un teorico vedere quanto velocemente i nuovi dati possono cambiare la nostra comprensione delle proprietà fisiche".

A causa dell'inclinazione dell'asse del campo magnetico terrestre, la rotazione del pianeta genera un campo elettrico oscillante, debole, che permea l'intera fascia di radiazione interna.

Ukhorskiy suggerisce di pensare agli elettroni come se fossero un fluido viscoso, allungato e piegato lentamente dalle oscillazioni globali, producendo quel modello a strisce osservato in tutta la cintura interna, che si estende sopra l'atmosfera terrestre, da circa 800 chilometri a circa 12.800 chilometri sopra la superficie del nostro pianeta.

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

Immagine del giorno

Log: Missioni e Detriti

Dallo spazio attorno alla Terra

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 20 Novembre.

Sole

Attività solare - Crediti NASA/ESA/SOHO

STEREO Ahead - Crediti NASA

SOHO LASCO C2 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

 

 

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.