Scritto: Giovedì, 20 Marzo 2014 06:02 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Realizzato il più grande mosaico interattivo del polo nord della Luna


Il team del Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) ha assemblato 10.581 immagini ottenute con le due fotocamere NAC (Navigation Angle Camera), della suite Lunar Reconnaissance Orbiter Camera (LROC), raccolte in 4 anni di missione, in uno spettacolare mosaico del Polo Nord della Luna.

Il LROC Northern Polar Mosaic (LNPM) è probabilmente uno dei più grandi realizzati finora al mondo: copre un'area di 2.540.000 chilometri quadrati con una risoluzione di 2 metri per pixel.

Rate this item
(0 votes)

Luna - LRO gigapan mosaico Polo Nord

Credit: NASA/Goddard/Arizona State University

Il team del Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) ha assemblato 10.581 immagini ottenute con le due fotocamere NAC (Navigation Angle Camera), della suite Lunar Reconnaissance Orbiter Camera (LROC), raccolte in 4 anni di missione, in uno spettacolare mosaico del Polo Nord della Luna.

Il LROC Northern Polar Mosaic (LNPM) è probabilmente uno dei più grandi realizzati finora al mondo: copre un'area di 2.540.000 chilometri quadrati con una risoluzione di 2 metri per pixel.

L'intera immagine misura 931.070 pixel quadrati, per un totale di quasi 867 miliardi pixel.
Se venisse stampata, sarebbe necessario un foglio di carta più grande di un campo da football.

Quasi 3 anni fa la squadra aveva pubblicato un grande mosaico della stessa zona, ad una scala di 100 metri per pixel, prodotto con le immagini della fotocamera WAC (Wide Angle Camera) ma il nuovo elaborato ha una risoluzione 50 volte superiore!

Per creare il mosaico, ogni immagine è stata proiettata su una mappa topografica di 30 metri per pixel basata su un Digital Terrain Model (DTM), costruita grazie ai dati dell'altimetro laser LOLA (Lunar Orbiter Laser Altimeter).

Una proiezione stereografica è stata poi usata per limitare le distorsioni e riportare la mappa ad una visione 2D.
Per migliorare la topografia sono stati integrati anche i dati delle effemerid e quelli provenienti dalle sonde Gravity Recovery and Interior Laboratory (GRAIL).

Il LNPM è formato, a sua volta, da mosaici "collare", le cui immagini, per la stessa latitudine, sono state acquisite ogni due ore per un mese, durante il quale la rotazione della Luna ha costantemente portato in vista ogni angolo. Eventuali lacune sono state compensate con gli scatti ottenuti in altri momenti della missione.

Luna - mosaico gigapan Polo Nord

Credit: NASA/Goddard/Arizona State University

Orbita LROLe foto raw originali sono a 12 bit (4096 toni di grigio) e sono state normalizzate in termini di riflettanza per tenere conto della percentuale di luce riflessa da ogni punto della Terra.
Per ottenere un grado di illuminazione piuttosto uniforme, inoltre, si è cercato di sfruttare il momento di scatto migliore, quando le ombre sono ridotte al minimo ai poli.

Se la composizione venisse elaborata in un singolo file occuperebbe circa 3,3 terabyte di spazio, così il mosaico è in realtà composto da una serie di piastrelle quadrate di 32.768 pixel, suddivise a loro volta in immagini quadrate di 256 pixel per facilitare la navigazione via Internet.
Il prodotto finale è composta da 17.641.035 piccole piastrelle.

Letto: 5177 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 14/1/21 - Sol 758] - Mete...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 12 Gennaio [Last ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 gennaio [Last update...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 10/11/20). Le manovre della so...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista