Scritto: Mercoledì, 12 Marzo 2014 05:43 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Una gloria su Venere fotografata dalla sonda dell'ESA Venus Express


Un fenomeno ottico, simile ad un arcobaleno, conosciuto come "gloria", è stato fotografato per la prima volta su un altro pianeta, Venere, il nostro vicino di casa.
Il fortunato fotografo è la sonda dell'Agenzia Spaziale ESA, Venus Express.

Arcobaleni e glorie sono fenomeni ottici che si verificano quando, goccioline d'acqua di dimensioni uniformi e sferiche, riflettono la luce verso la fonte. Ma mentre gli arcobaleni hanno la forma di un arco nel cielo, le glorie sono anelli concentrici colorati intorno ad un centro luminoso.

Rate this item
(0 votes)

Venere - gloria fotografata da Venus Express

Credit: ESA/MPS/DLR/IDA

Un fenomeno ottico, simile ad un arcobaleno, conosciuto come "gloria", è stato fotografato per la prima volta su un altro pianeta, Venere, il nostro vicino di casa.
Il fortunato fotografo è la sonda dell'Agenzia Spaziale ESA, Venus Express.

Gloria BrockenJM - via Wikimedia CommonsArcobaleni e glorie sono fenomeni ottici che si verificano quando, goccioline d'acqua di dimensioni uniformi e sferiche, riflettono la luce verso la fonte. Ma mentre gli arcobaleni hanno la forma di un arco nel cielo, le glorie sono anelli concentrici colorati intorno ad un centro luminoso.

Le glorie, sulla Terra, sono visibili solo quando l'osservatore si trova tra il Sole e le particelle d'acqua in grado di riflettere la luce.

Possono essere facilmente osservate dagli aerei, o dalle vette avvolte dalle nubi e dalla nebbia con il Sole basso.

L'effetto è piuttosto suggestivo: l'osservatore proietta un'ombra gigante al centro di una corona luminescente.

Gloria - via Wikimedia Commons

Sul nostro pianeta, quindi, gli unici ingredienti necessari per ottenere una gloria, sono la luce del Sole e le goccioline d'acqua. Ma l'atmosfera di Venere è ricca di acido solforico e gli scienziati speravano di riuscire ad osservare il fenomeno per ottenere maggiori informazioni sulle goccioline atmosferiche.

Così, grazie ad uno sforzo calcolato, con Venus Express come l'osservatore-fotografo posto tra il Sole e le nuvole del pianeta, gli scatti hanno avuto successo e la gloria è stata vista sulla cima delle nuvole di Venere, a 70 chilometri di quota sulla superficie del pianeta, il 24 luglio 2011.

Il fenomeno appare esteso per 1.200 chilometri, osservato da 6.000 chilometri di distanza.

La foto in apertura è la gloria in falsi colori, ottenuta dalla sovrapposizione di tre scatti, a lunghezze d'onda ultraviolette, visibili e nel vicino infrarosso, a 10 secondi di distanza l'uno dall'altro. A causa del moto della sonda, le immagini non si sovrappongono perfettamente.

Venere - gloria ripresa da Venus Express

Credit: ESA/MPS/DLR/IDA

Con questi risultati, gli scienziati hanno potuto stimare la dimensione delle particelle delle nubi in 1,2 micrometri di diametro (circa un cinquantesimo della larghezza di un capello umano) ossia non più di 2 millesimi di millimetro, molto più piccole rispetto a quelle terrestri generalmente di 10 e 40 millesimi di millimetro, .
Il fatto che la gloria sia estesa per 1.200 chilometri, significa anche che le particelle sono uniformi almeno su questa scala.

Non solo: le variazioni di luminosità osservate negli anelli della gloria, suggeriscono che, oltre all'acido solforico ed acqua, deve essere entrato in gioco un terzo elemento chimico.
Una causa potrebbe essere il cosiddetto "UV-absorber", o assorbitore ultravioletto, un componente atmosferico ancora sconosciuto, responsabile delle macchie scure osservate sulle cime delle nuvole di Venere, a lunghezze d'onda ultraviolette.

Gloria - su Venere e sulla Terra

Gloria: simulazione su Venere, a sinistra e sulla Terra a destra
Credit: C. Wilson/P. Laven

Ma la gloria ed altri fenomeni ottici simili potrebbero essere diffusi nel nostro Sistema Solare: gli scienziati ritengono su Titano, la grande luna di Saturno, dove le gocce di metano giocherebbero un ruolo fondamentale, potrebbe essere osservato un arcobaleno o forse anche una gloria.

Letto: 4278 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 17 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista