Scritto: Domenica, 06 Novembre 2022 06:10 Ultima modifica: Domenica, 06 Novembre 2022 07:45

Le origini della crosta di Marte potrebbero essere sorprendentemente complesse


La prima crosta marziana potrebbe essere stata più complessa di quanto ritenuto finora e forse, simile alla crosta originale del nostro pianeta.

Rate this item
(2 votes)
Le nove aree di feldspato individuate dal team.
Le nove aree di feldspato individuate dal team.
Crediti: Valerie Payré, University of Iowa

La superficie marziana è uniformemente basaltica (il basalto è una roccia ignea), il risultato di miliardi di anni di vulcanismo e lava che scorre sulla superficie e si è raffreddata. Poiché Marte non ha subito un rimodellamento superficiale su vasta scala come lo spostamento dei continenti sulla Terra, gli scienziati hanno pensato che la storia della crosta del Pianeta Rosso fosse relativamente semplice. Ma la nuova ricerca ha scoperto che alcune aree hanno una concentrazione di silice più alta del previsto e ciò cambia la storia. Queste zone sono state esposte dai meteoriti che si sono schiantati sul pianeta, scavando il materiale che era incastonato in profondità.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Geophysical Research Letters.


Come si è formato Marte?

Marte è sicuramente nato 4,5 miliardi di anni fa come la Terra ma sul come si sia formato, ci sono solo alcune teorie. Una ipotizza che il pianeta sia nato da una collisione titanica di rocce nello spazio che, con un calore intenso, generò un oceano di magma. Quest'ultimo poi si raffreddò lasciando lo strato basaltico che vediamo oggi.

Valerie Payré, del Dipartimento di Scienze della Terra e dell'Ambiente presso l'Università dell'Iowa e autrice principale del nuovo studio, e i suoi partner di ricerca hanno però analizzato i dati raccolti dal Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) per l'emisfero meridionale del pianeta, che ricerche precedenti avevano indicato essere la regione più antica. Il team ha così trovato nove località, come crateri e fratture nel terreno, ricche di feldspato, un minerale associato a colate laviche ricche di silice piuttosto che basaltiche. Questa scoperta promuove una storia diversa dell'evoluzione marziana, che suggerisce che la crosta si sia formata in più fasi, il che sarebbe un processo più complesso del raffreddamento di un enorme oceano di magma.
"Questo è stato il primo indizio", ha detto Payré. "Abbiamo esplorato le concentrazioni di silice perché lì i terreni sono ricchi di feldespato ".

I ricercatori, quindi, hanno preso in esame anche i dati di un altro strumento, Thermal Emission Imaging System (THEMIS), a bordo dell'orbiter Mars Odyssey, in grado di rilevare le concentrazioni di silice attraverso i riflessi della lunghezza d'onda infrarossa dalla superficie di Marte. Con i dati di THEMIS, il team ha determinato che il terreno nelle posizioni prescelte era più silicico che basaltico.

I ricercatori hanno anche datato la crosta a circa 4,2 miliardi di anni, il che la renderebbe la crosta più antica trovata su Marte fino ad oggi.

"Ci sono stati rover sulla superficie che hanno osservato rocce più siliciche che basaltiche", ha detto Payré. "Quindi, si pensava che la crosta potesse essere più silicica. Ma non abbiamo mai saputo, e ancora non sappiamo, come si è formata la prima crosta, o quanti anni ha, quindi è ancora un mistero". E se è un mistero su Marte, figuriamoci per la Terra, dove la tettonica a placche ha cancellato ogni traccia della crosta primordiale. "Non conosciamo la crosta del nostro pianeta dall'inizio; non sappiamo nemmeno quando la vita è apparsa per la prima volta", ha detto. "Molti pensano che [la storia dei] due [pianeti] possa essere correlata. Quindi, capire com'era la crosta [marziana] molto tempo fa potrebbe aiutarci a capire l'intera evoluzione del nostro pianeta".

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 471 volta/e Ultima modifica Domenica, 06 Novembre 2022 07:45

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno" (segui su LinkedIn le mie attività professionali).
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 9 dicembre 2022

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 7 dicembre. Statistiche su...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB