Scritto: Sabato, 29 Ottobre 2022 08:02 Ultima modifica: Domenica, 30 Ottobre 2022 04:49

Arecibo non risorgerà


Nonostante le speranze, le petizioni e i progetti proposti, alla fine la National Science Foundation ha rinunciato a costruire un nuovo strumento nel sito portoricano. "Il cuore degli astronomi è spezzato" recita Nature...

Rate this item
(3 votes)
La superficie riflettente parzialmente distrutta del radiotelescopio, una settimana dopo il collasso catastrofico
La superficie riflettente parzialmente distrutta del radiotelescopio, una settimana dopo il collasso catastrofico
Credit: Ricardo Arduengo/AFP via Getty

 Il radiotelescopio di Arecibo è stato, per oltre 50 anni, il più grande al mondo ed ha fornito contributi essenziali alla radioastronomia e alla radar-astronomia planetaria. Tutti noi ricordiamo le scioccanti immagini del 1 dicembre 2020 quando, dopo diverse avvisaglie, i cavi di sostegno di uno dei tre piloni cedettero causando il collasso della pesante piattaforma focale, contenente i ricevitori e i trasmettitori dell'antenna; questa si abbatté sulla sottostante superficie del riflettore, distruggendola o danneggiandola in buona parte e decretando la fine della carriera per questo glorioso strumento.

 Nei mesi successivi, assistemmo ad un fiorire di petizioni e di progetti per costruire, nello stesso sito, un nuovo strumento tecnologicamente aggiornato che ristabilisse il prestigio passato, preservando anche i posti di lavoro e l'attrattività del luogo. Tuttavia, era chiaro che ci sarebbero voluti molti anni di lavoro ed un ingente investimento, che doveva passare il vaglio del congresso americano. Lo stesso governo portoricano giocò d'anticipo, stanziando 8 milioni di dollari nella speranza che questa cifra, poco più che simbolica, contribuisse ad una decisione positiva.

Arecibo damage 1000px

Una vista dal basso, una settimana dopo il collasso - Credits: Michelle Negron, National Science Foundation

 Invece, nei giorni scorsi è giunta la temuta doccia fredda che sembra porre la parola "fine" sull'Osservatorio di Arecibo. Lo scorso 13 ottobre, infatti, la NSF nell' annunciare l'istituzione di un nuovo centro educativo ad Arecibo a Porto Rico, affermava che "la sollecitazione non include la ricostruzione del telescopio da 305 metri o il supporto operativo per le attuali infrastrutture scientifiche, come il radiotelescopio da 12 metri o la struttura Lidar".

 "È straziante", afferma Héctor Arce, astronomo della Yale University che viene da Porto Rico e si è battuto per difendere la causa "Per molti, sembra l'ennesimo modo ingiusto di trattare il territorio coloniale di Porto Rico". La NSF afferma che sta seguendo le raccomandazioni della comunità scientifica, ovvero di non ricostruire il grande telescopio e di concentrarsi invece sull'istruzione. "Non stiamo chiudendo Arecibo", afferma Sean Jones, capo della direzione delle scienze matematiche e fisiche della NSF. "Pensiamo che questo nuovo approccio e il nuovo centro saranno catalizzatori in molte aree".

AreciboVisitorsCenter

L'ingresso del Centro scientifico e per visitatori della Angel Ramos Foundation presso l'Osservatorio. - Credits: Osservatorio di Arecibo

 "È devastante sapere che questa è la loro decisione finale", afferma Desireé Cotto-Figueroa, un'astronoma dell'Università di Porto Rico a Humacao. "Soprattutto nonostante tutti gli sforzi compiuti dal personale e dagli scienziati dell'Osservatorio di Arecibo e dalla comunità scientifica in generale per mantenerlo in funzione come il centro di ricerca di eccellenza che è sempre stato con le strutture di osservazione che sono rimaste".

 La National Science Foundation (NSF) ha gestito l'Osservatorio di Arecibo da quando la sua costruzione è stata completata nel 1963. Negli ultimi decenni prima del crollo, le difficoltà di finanziamento affliggevano già la struttura, ma alla fine erano apparsi nuovi partner per gestire le operazioni. Il contratto dell'ultimo "facility manager", l'"Università della Florida Centrale" (UCF), scadrà a marzo 2023 senza chiari piani per il futuro. Molti scienziati che lavorano con gli strumenti prima installati ad Arecibo stanno ora cercando di capire come concludere i loro progetti di ricerca. Secondo il piano proposto, il sito non si chiamerà più "Osservatorio di Arecibo", diventando invece il "Centro di Arecibo per l'Educazione e la Ricerca STEM".

Letto: 536 volta/e Ultima modifica Domenica, 30 Ottobre 2022 04:49

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Gli ultimi articoli di Marco Di Lorenzo (DILO)

Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 9 dicembre 2022

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 7 dicembre. Statistiche su...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB