Scritto: Domenica, 23 Ottobre 2022 06:08 Ultima modifica: Domenica, 23 Ottobre 2022 06:52

Il lampo gamma più potente mai visto


Gli osservatori di tutto il mondo hanno rilevato un colossale bagliore di radiazioni estremamente energetiche descritto come "da record". Questo lampo di raggi gamma è stato anche il più vicino mai rilevato.

Rate this item
(4 votes)
Il lampo gamma più potente mai visto
Crediti: ESO/A. Roquette

L'evento, registrato il 9 ottobre, inizialmente denominato Swift J1913.1+1946, è stato così luminoso che all'inizio si pensava fosse il prodotto di una fonte relativamente vicina e che l'energia arrivasse nei raggi X. È stato solo attraverso ulteriori analisi che gli astronomi hanno scoperto la vera natura del bagliore: un lampo di raggi gamma, una delle esplosioni più violente dell'Universo, ora ribattezzata GRB221009A.

I lampi di raggi gamma, scoperti accidentalmente dai satelliti militari statunitensi negli anni '60 del secolo scorso, vengono probabilmente prodotti dalle stelle giganti che esplodono alla fine della loro vita prima di collassare in buchi neri, o quando resti stellari ultradensi noti come stelle di neutroni si scontrano. In pochi secondi, queste esplosioni liberano tutta l'energia che il Sole emetterà durante i suoi 10 miliardi di anni di vita.

 

Dati da record

Gli scienziati stanno ancora analizzando i dati ma se venissero confermati, il flash rilevato all'inizio di ottobre sarebbe il più forte mai osservato, con 18 teraelettronVolt di energia rilasciata. La sorgente si trova a circa 2,4 miliardi di anni luce che, anche se molto lontano, è una delle più vicine mai rilevate.

Sebbene questo lampo di raggi gamma si trovasse a una distanza di sicurezza dalla Terra, uno entro migliaia di anni luce priverebbe il pianeta del suo strato protettivo di ozono e probabilmente causerebbe un'estinzione di massa. In effetti, gli scienziati pensano che sia già successo in passato: l'estinzione dell'Ordoviciano, avvenuta 450 milioni di anni fa.

Identikit

Diversi profili di lampi di raggi gamma significano diversi tipi di esplosioni, che svaniscono in modi differenti.
I lampi di raggi gamma brevi sono più rari e durano non più di due secondi. Queste esplosioni costituiscono circa il 30% degli eventi noti e si ritiene che siano causate da collisioni di stelle di neutroni. L'altro tipo, lampi di raggi gamma lunghi, possono durare fino a diversi minuti e sono probabilmente prodotti da ipernove, esplosioni stellari 100 volte più luminose delle supernove, in cui le stelle supermassicce muoiono dopo aver esaurito l'idrogeno nei loro nuclei.

GRB221009A sembra essere un lampo di raggi gamma lungo ma gli astronomi non sanno ancora cosa lo abbia originato.
"È ancora troppo presto per dirlo", ha commentato l'astronoma Gemma Anderson della Curtin University. "Questo evento è così vicino ma anche molto energetico significa che la luce radio, ottica, di raggi X e raggi gamma che produce è estremamente luminosa e quindi facile da osservare. Possiamo quindi studiare questo lampo di raggi gamma con molti telescopi grandi e piccoli in tutto il mondo e raccolgono set di dati molto completi man mano che prima si illumina e poi svanisce".

I telescopi di tutto il mondo (e nell'orbita terrestre) ora continueranno a puntare verso la galassia polverosa da cui è emerso il lampo. Cercheranno di osservare la luce generata dall'esplosione in quante più lunghezze d'onda possibili per avere un quadro più completo della sua origine.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 2110 volta/e Ultima modifica Domenica, 23 Ottobre 2022 06:52

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno" (segui su LinkedIn le mie attività professionali).
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 9 dicembre 2022

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 7 dicembre. Statistiche su...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB