Scritto: Sabato, 01 Marzo 2014 08:01 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Brutte notizie per i pianeti extrasolari: le super Terre potrebbero essere molto inospitali


Negli ultimi 20 anni, la ricerca dei pianeti extrasolari ha accelerato particolarmente grazie ad importanti missioni, come Kepler della NASA che proprio mercoledì scorso ha annunciato 715 nuovi pianeti exstrasolari confermati in un sol colpo.

Numerosi mondi, a prima vista, sono simili alla Terra e alcuni si trovano nella cosiddetta zona abitabile, ossia alla giusta distanza dalla loro stella madre, affinché possa esistere acqua allo stato liquido sulla loro superficie.

Rate this item
(0 votes)

Pianeti extrasolari

Credit: NASA / H. Lammer

Negli ultimi 20 anni, la ricerca dei pianeti extrasolari ha accelerato particolarmente grazie ad importanti missioni, come Kepler della NASA che proprio mercoledì scorso ha annunciato 715 nuovi pianeti exstrasolari confermati in un sol colpo.

Numerosi mondi, a prima vista, sono simili alla Terra e alcuni si trovano nella cosiddetta zona abitabile, ossia alla giusta distanza dalla loro stella madre, affinché possa esistere acqua allo stato liquido sulla loro superficie.

Ma secondo un team di scienziati dello Space Research Institute (IWF) dell'Accademia Austriaca delle Scienze, che ha studiato i processi di formazione planetaria, molti pianeti non sarebbero così ospitali come sembrano.

Tutto dipenderebbe da come i protopianeti catturano e perdono idrogeno.
In base alla ricerca, i pianeti che si formano da nuclei meno massicci sono potenziali habitat favorevoli alla vita, mentre altri, più grandi, finiscono per diventare dei mini-Nettuno, ossia corpi di dimensioni modeste rispetto alla Terra ma con atmosfere spesse e probabilmente sterili attorno al nucleo roccioso.

Gli scienziati ritengono che i sistemi planetari, tra cui il nostro Sistema Solare, si siano formati da idrogeno, elio ed elementi più pesanti in orbita intorno alle stelle madri, in un disco protoplanetario.
La polvere e il materiale roccioso si ammasserebbe nel tempo formando nuclei sempre più grandi, i futuri pianeti.
La gravità di questi corpi attirerebbe a sé l'idrogeno del disco protoplanetario, mentre una parte verrebbe nuovamente strappata dalla luce ultravioletta della giovane stella.

Il Dr. Lammer, a capo del team di ricerca ed autore del documento pubblicato sul Monthly Notices della Royal Astronomical Society, ha studiato un modello in grado di descrivere il meccanismo di cattura e rimozione dell'idrogeno per nuclei planetari tra le 0,1 e le 5 masse terrestri, situati nella zona abitabile di una stella simile al nostro Sole.

Ovviamente, i dati ottenuti dipendono dal disco protoplanetario ipotizzato e dal tipo di stella ma il presupposto è che un Sole molto giovane sia anche più luminoso in luce ultravioletta.
Così, i risultati hanno dimostrato che i protopianeti con la stessa densità della Terra ma con una massa 0,5 volte inferiore non catturano molto gas dal disco; nuclei planetari con una massa simile alla Terra possono catturare idrogeno ma anche perderlo; mentre, i nuclei con una massa maggiore, simili alle super Terre, che sono anche una tipologia di pianeti molto diffusa, conservano quasi tutto il loro idrogeno. Questi mondi finiscono per diventare come i mini-Nettuno, con atmosfere molto più spesse e dense della nostra.

Questi dati non sono certo incoraggianti e ridimensionano un po' di entusiasmo per alcune recenti scoperte, come ad esempio Kepler-62e e Kepler-62f: affinché un pianeta sia ospitale, non è sufficiente che si trovi nella zona abitabile.

Dr. Lammer commenta: "I ​​nostri risultati suggeriscono che mondi come queste due super Terre possono aver catturato l'equivalente compreso tra 100 e 1.000 volte l'idrogeno presente negli oceani della Terra, perdendone solo una piccola percentuale durante la loro vita. Con tale spessore atmosferico, la pressione sulla superficie sarà enorme, rendendo quasi impossibile la vita".

Read 3956 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 26 Febbraio

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 25 Febbraio) Hot!

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 26 Febbraio [Last update: 02/26/2020

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 9/12/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 26 Febbraio [Last update: 02/26/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 25/2/20 - Sol 443] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 17/2/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 14 Febbraio [updated on Feb,14]

HOT NEWS