Scritto: Venerdì, 21 Febbraio 2014 21:03 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Ancora notizie dalla cometa ISON: ospitava una rara forma di azoto


Un team di astronomi guidato dal Ph.D. Yoshiharu Shinnaka e dal professor Hideyo Kawakita, entrambe della Kyoto Sangyo University, hanno avuto l'occasione di tenere sotto osservazione la cometa ISON durante la sua luminosa performance di novembre 2013, con il Subaru Telescope presso l'Osservatorio di Mauna Kea, nelle Hawaii.

Rate this item
(0 votes)

Cometa ISON linee di emissione

Credit: NAOJ

Un team di astronomi guidato dal Ph.D. Yoshiharu Shinnaka e dal professor Hideyo Kawakita, entrambe della Kyoto Sangyo University, hanno avuto l'occasione di tenere sotto osservazione la cometa ISON durante la sua luminosa performance di novembre 2013, con il Subaru Telescope presso l'Osservatorio di Mauna Kea, nelle Hawaii.

Subaru TelescopeLo strumento High Dispersion Spectrograph (HDS), uno spettrografo in luce visibile montato sua configurazione Nasmyth (una variante del Cassegrain), ha rilevato due forme di azoto14NH2 e 15NH2.

Tra le due, questa è la prima volta in cui l'isotopo 15NH2 è stato chiaramente individuato in una cometa.

La C/2012 S1 ISON, definita "Cometa del Secolo" non appena scoperta il 21 settembre 2012, ci ha fatto stare con il fiato sospeso lo scorso 28 novembre, quando ha dovuto affrontare il momento più difficile del suo insidioso viaggio dalla Nube di Oort verso il Sistema Solare interno.
Due settimane prima del perielio, la ISON si era esibita in un improvviso outburst che aveva catapultato la soglia di visibilità fino ai livelli dell'occhio umano. Purtroppo, però, da suo passaggio ravvicinato con il Sole ne rimase ben poco: perse gran parte della sua massa, svanendo lentamente nello spazio nei giorni successivi.

Il team osservò con successo la cometa ISON il 15 e il 16 novembre UT, proprio durante l'outburst iniziato il 14 novembre.
Lo spettro aveva mostrato molte righe di emissioni di gas come C2, NH2, H2O+, O, Na.

Cometa ISON spettro di emissione 15 16 novembre 2013

Credit: NAOJ

L'osservazione aveva chiaramente rilevato 15NH2 nella cometa e la squadra aveva calcolato il rapporto di ammoniaca cometaria tra 14N/15N (139 ± 38), risultato in linea con gli spettri di altri dodici comete (14N/15N ~ 130).
In poche parole, la ISON era risultata una tipica cometa.

Ma le comete sono oggetti relativamente piccoli e interessanti perché, composti per lo più di polveri e ghiaccio, si sono formati 4,6 miliardi di anni fa, quando il nostro Sistema Solare era ancora agli albori e resistono indisturbate in fredde regioni lontane, come fascia di Kuiper e la nube di Oort, conservano le informazioni sulle condizioni fisiche e chimiche del sistema solare primordiale. Per cui, i diversi elementi in esse contenuti forniscono indizi importanti sull'origine e l'evoluzione del nostro sistema e della vita.

Ma gli scienziati ancora non sanno esattamente come le molecole cometarie si separino in isotopi con diverse abbondanze.

L'ammoniaca (NH3) è una molecola particolarmente importante, perché è il più abbondante cuscinetto di azoto volatile per il ghiaccio cometario ed è una delle molecole più semplici del gruppo amminico (–NH2), strettamente legato alla vita. Ciò significa che queste forme di azoto potrebbero essere il collegamento tra lo spazio interstellare e la vita sulla Terra.

Poiché l'ammoniaca è il principale vettore di azoto in una cometa, è necessario non tenerne conto per comprendere il comportamento dei singoli elementi. Ma l'individuazione diretta di ammoniaca cometaria è difficile ed esistono solo pochi casi.
Pertanto, il team si è concentrato sullo studio della forma NH2, che si è sviluppata dopo che l'ammoniaca è stata ripartita dalla luce (fotodissociazione) nella chioma della cometa.
Il tutto è stato possibile anche grazie ad un po' di fortuna, studiando la cometa proprio nel momento di maggiore attività, mentre si stava avvicinando al Sole.
Ulteriore vantaggio è stato che NH2, un derivato di ammoniaca (NH3), è facilmente osservabile nella lunghezza d'onda ottica e, nelle vicinanze, ci sono anche gli isotopi di azoto di ammoniaca cometaria.

Gli interessanti risultati sulla ISON supportano l'ipotesi che ci fossero due serbatoi distinti di azoto nella nebulosa solare: un gas primordiale N2 avente un valore protosolare di 14N/15N e molecole meno volatili aventi probabilmente un rapporto di 14N/15N pari a circa 150 nella nebulosa solare.

Nel caso di una densa nube molecolare, il rapporto isotopico di acido cianidrico (HCN) è simile a quella delle comete mentre il suo rapporto in ammoniaca è diverso dal valore cometario e questo potrebbe significare che l'ammoniaca si è formata in un ambiente con polveri a bassa temperatura e non nel gas della nube molecolare.
D'altra parte, esperimenti di laboratorio hanno già dimostrato che molecole complesse possono formarsi sulla superficie di polveri a bassa temperatura.
L'interno del nucleo cometario potrebbe quindi contenere molecole complesse strettamente connesse all'origine della vita sulla Terra.

E mentre il team spera di poter indagare ulteriormente sull'origine della cometa ISON e sul processo che l'ha portata alla disintegrazione, stiamo per entrare nel vivo di una grande missione dell'Agenzia Spaziale Europe ESA, Rosetta, che sta per raggiungere la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko e la scorterà fino al perielio a fine 2015.

Approfondimento:
http://phys.org/news/2014-02-telescope-rare-nitrogen-comet-ison.html

Read 1923 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 29 Maggio

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 30 Maggio sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 30/5/20 - Sol 535] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 1 Maggio [updated on May,01]

HOT NEWS