Scritto: Sabato, 06 Agosto 2022 06:04 Ultima modifica: Domenica, 07 Agosto 2022 05:54

JWST: CEERS-93316 è ancora più distante In evidenza


Quello della galassia più distante è un record che sembra durare poco ultimamente. Ora l'ultima candidata più lontana si chiama CEERS-93316.

Rate this item
(2 votes)
JWST: CEERS-93316 è ancora più distante
Crediti: (University of Edinburgh

Solo nell'ultimo anno, ad aprile gli astronomi avevano annunciato l'osservazione di una galassia a 330 milioni di anni dopo il Big Bang. Il mese scorso, in altri dati JWST, è stato trovato un altro punto rosso lontano 300 milioni di anni dopo il Big Bang.
Il nuovo detentore del record, tuttavia, è strabiliante. Scoperta nell'oscurità dell'Universo primordiale, rappresenta un'epoca di appena 235 milioni di anni dopo il Big Bang, praticamente un battito di ciglia cosmico se consideriamo l'età di 13,8 miliardi di anni dell'Universo.

Il primo miliardo di anni dopo il Big Bang è di grande interesse per i cosmologi. Durante questo periodo, la calda zuppa primordiale che riempiva l'Universo dopo svanì, iniziando in qualche modo a formare tutto: materia e antimateria e materia oscura, stelle, galassie e polvere. Webb è in grado di catturare la luce nel vicino infrarosso e infrarosso, con la più alta risoluzione di qualsiasi telescopio mai inviato nello spazio. È progettato per eccellere nel rilevare quelle galassie lontane altamente spostate verso il rosso, in modo che i cosmologi possano finalmente ottenere uno sguardo dettagliato su ciò che sta accadendo, se non all'Alba Cosmica, almeno durante la Reionizzazione.
Il documento, in attesa di revisione paritaria, è stato inviato al Monthly Notices of the Royal Astronomical Society e pubblicato in anteprima sul server arXiv.

redshit CEERS 93316

La galassia CEERS-93316 ripresa nei filtri della NIRcam del JWST e la distribuzione per il redshift.

CEERS-93316, secondo i ricercatori, deve essere una delle primissime galassie dopo il Big Bang. Il team ha escluso altre potenziali spiegazioni per il debole bagliore rosso e la loro analisi suggerisce che la formazione stellare nella galassia candidata doveva essere iniziata tra 120 e 220 milioni di anni dopo il Big Bang. Per confermare l'identità dell'oggetto, tuttavia, sarà necessario effettuare osservazioni spettroscopiche di follow-up.

Se CEERS-93316 è una galassia, c'è da aspettarsi che il primato non durerà a lungo.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 148 volta/e Ultima modifica Domenica, 07 Agosto 2022 05:54

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 5 agosto 2022

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 5 agosto. Statistiche sull...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 5 agosto ...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora