Scritto: Martedì, 02 Agosto 2022 05:02 Ultima modifica: Martedì, 02 Agosto 2022 19:01

Il Pianeta 9 proprio non si trova


Un nuovo studio ha utilizzato due rilevamenti del cielo a infrarossi, uno dall'InfraRed Astronomical Satellite (IRAS) e uno dal telescopio spaziale AKARI, per cercare l'ipotetico Nono Pianeta.

Rate this item
(3 votes)
Il Pianeta 9 proprio non si trova
Crediti: R. Hurt/IPAC, Caltech

Sono ormai anni che gli astronomi cercano questo mondo che potrebbe orbitare ai confini estremi del Sistema Solare. La caccia è iniziata nel 2016 quando, esaminando la distribuzione statistica dei KBO (cioè degli oggetti nella fascia di Kuiper), è stato notato uno strano raggruppamento orbitale e si è ipotizzato che il cluster fosse causato da un pianeta esterno non ancora rilevato. Sulla base dei calcoli di allora, questo mondo dovrebbe avere una massa di 5 Terre e dovrebbe essere è circa 10 volte più distante dal Sole rispetto a Nettuno. Ma le ricerche successive non conclusero nulla. Ciò ha portato alcuni a dubitare dell'esistenza del Pianeta 9. Mentre altri hanno suggerito che il Nono Pianeta esiste ma non possiamo vederlo perché è un buco nero primordiale. Gli astronomi Mike Brown e Konstantin Batygin hanno eseguito oltre un centinaio di simulazioni di decine di migliaia di KBO, con le orbite influenzate dal Nono Pianeta per 200 milioni di anni, creando una vera e propria mappa per la caccia al tesoro. In ogni caso, oggi abbiamo sempre più strumenti per scrutare il cielo: quindi, se esiste, non potrà nascondersi ancora per molto.

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno utilizzato i dati di due indagini svolte a poco più di 23 anni di distanza l'una dall'altra. In un tale arco di tempo, qualsiasi ipotetico pianeta lontano tra 7008000 Unità Astronomiche, si sarebbe spostato quel tanto che basta per essere individuato. Il limite superiore sulla distanza è dettato dalla sensibilità degli strumenti e dallo spostamento troppo piccolo per essere rilevato bel cielo.


I candidati

Il team ha quindi riesaminato i dati registrati dall'InfraRed Astronomical Satellite (IRAS) e dal telescopio spaziale AKARI con una serie di algoritmi di filtraggio, trovando, sorprendentemente, più di 500 candidati. Sulla base dell'analisi spettrale, la maggior parte di questi ipotetici mondi aveva distanze orbitali inferiori a 1.000 UA e masse inferiori a Nettuno, che è esattamente l'intervallo previsto per il Pianeta 9. Tuttavia, quando le firme infrarosse sono state esaminate manualmente, nessuna è risultata così convincente. La maggior parte di essi non erano potenziali pianeti ma echi di una nebulosa.
"Abbiamo trovato 535 potenziali candidati", scrivono gli autori nel documento. "La maggior parte avrebbe masse vicine o inferiori a quella di Nettuno (~0,05 massa di Giove) e si troverebbe al di sotto di 1.000 UA. Tuttavia, l'esame delle immagini a infrarossi di questi candidati suggerisce che nessuno è sufficientemente convincente da giustificare un follow-up, poiché tutte si trovano all'interno o vicino ai cirri, che molto probabilmente sono la fonte del flusso del lontano infrarosso". Secondo i ricercatori, questo studio "fornisce ulteriori vincoli di osservazione per distanze inferiori e masse planetarie". Insomma, un altro buco nell'acqua. Chissà che Webb non riesca a far luce su questa storia.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 355 volta/e Ultima modifica Martedì, 02 Agosto 2022 19:01

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 8 agosto 2022

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 7 agosto. Statistiche sull...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 5 agosto ...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora