La NASA ha svelato ieri la lista degli oggetti cosmici presi di mira in queste prime osservazioni del telescopio spaziale James Webb, che saranno condivise durante un live il 12 luglio alle 14:30 UTC.
"Ogni immagine sarà resa simultaneamente disponibile sui social media e sul sito web dell'agenzia", si legge nel comunicato.
"Questi obiettivi elencati di seguito rappresentano la prima ondata di immagini e spettri scientifici a colori che l'osservatorio ha raccolto e l'inizio ufficiale delle operazioni scientifiche generali di Webb. Sono stati selezionati da un comitato internazionale di rappresentanti di NASA, ESA, CSA e Space Telescope Science Institute".

- Nebulosa della Carena che è una delle nebulose più grandi e luminose del cielo, situata a circa 7.600 anni luce di distanza nella costellazione meridionale della Carena. Le nebulose sono vivai stellari dove si formano le stelle. La Nebulosa della Carena ospita molte stelle massicce, diverse volte più grandi del Sole.

- WASP-96 b (spettro). WASP-96 b è un esopianeta gigante situato a quasi 1.150 anni luce dalla Terra, orbita attorno alla sua stella ogni 3,4 giorni. Ha circa la metà della massa di Giove e la sua scoperta è stata annunciata nel 2014.

- Nebulosa Anello che è una nebulosa planetaria, una nuvola di gas in espansione, che circonda una stella morente. Ha un diametro di quasi mezzo anno luce e si trova a circa 2.000 anni luce dalla Terra.

- Quintetto di Stephan a circa 290 milioni di anni luce di distanza, nella costellazione del Pegaso. È noto per essere il primo gruppo di galassie compatto scoperto, nel 1877. 

- SMACS 0723, un gruppo di massicci ammassi di galassie in primo piano che ingrandiscono e distorcono la luce degli oggetti dietro di loro, consentendo una visione in campo profondo sia delle popolazioni di galassie estremamente distanti che intrinsecamente deboli.

Il rilascio di queste prime immagini segna l'inizio ufficiale delle operazioni scientifiche di Webb.