Scritto: Mercoledì, 15 Giugno 2022 14:00 Ultima modifica: Mercoledì, 15 Giugno 2022 17:01

Il radiotelescopio FAST potrebbe aver captato segnali extraterrestri


Ad annunciarlo sono gli scienziati cinesi. I segnali sarebbero stati rilevati dal Five hundred meter Aperture Spherical Telescope (FAST) che, con i suoi 500 metri di apertura, è il radiotelescopio più grande del mondo.

Rate this item
(3 votes)
Il radiotelescopio FAST potrebbe aver captato segnali extraterrestri
Via Ou Dongqu/ Xinhua/ ZUMA/ Nature.

I ricercatori della Beijing Normal University hanno trovato "diversi casi di possibili tracce tecnologiche e civiltà extraterrestri al di fuori della Terra", secondo un rapporto pubblicato martedì su Science and Technology Daily, il quotidiano ufficiale del Ministero della Scienza e della Tecnologia.

I segnali sono stati rilevati dal FAST, chiamato anche "Sky Eye", che è l'unico radiotelescopio gigante a parabola singola al mondo e che, tra le altre cose, si occupa anche della ricerca della vita extraterrestre e di tecnofirme.
Secondo il giornale, il cosmologo Zhang Tongjie, un famoso "cacciatore di alieni" cinese", ha affermato che l'osservatorio ha individuato "diversi segnali elettromagnetici a banda stretta diversi dal passato". Ma è bene non farsi prendere troppo dagli entusiasmi perché "anche la possibilità che il segnale sospetto sia una sorta di interferenza radio è molto alta e deve essere ulteriormente confermata ed esclusa. Questo potrebbe essere un processo lungo", ha aggiunto Zhang.


Cosa sappiamo per ora

A partire da settembre 2020, una delle funzioni principali del radiotelescopio è stata quella di cercare la vita extraterrestre.
La Beijing Normal University sta lavorando al programma insieme agli scienziati dell'Università della California, a Berkeley.

Ad oggi, i ricercatori hanno identificato due gruppi di segnali sospetti rilevati nel 2019 e emersi durante l'elaborazione dei dati nel 2020, e un altro segnale interessante è stato registrato quest'anno durante un sondaggio su alcuni esopianeti, ha detto Zhang al Science and Technology Daily.
Secondo il cosmologo, l'altissima sensibilità dello Sky Eye nella banda radio a bassa frequenza gioca un ruolo importante nella ricerca di civiltà aliene.

Ovviamente, mentre i dati dovranno essere confermati o smentiti, FAST continuerà osservazioni di follow-up dei segnali rilevati e, altrove, per scoprire nuovi segnali.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 557 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 15 Giugno 2022 17:01

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento:4 luglio 2022

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 5 luglio ...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 1 luglio. Statistiche sull...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora