Scritto: Martedì, 24 Maggio 2022 17:00 Ultima modifica: Mercoledì, 25 Maggio 2022 06:50

Esopianeti in sistemi binari: nuovi obiettivi nella ricerca di forme di vita extraterrestri


Quasi la metà delle stelle delle dimensioni del Sole sono binarie e, secondo la ricerca dell'Università di Copenaghen, questi sistemi potrebbero ospitare esopianeti molto diversi da quelli che orbitano attorno alle singole stelle, ma altrettanto interessanti per la ricerca della vita extraterrestre.

Rate this item
(2 votes)
Simulazione di stella binaria.
Simulazione di stella binaria.
Crediti: Da Jørgensen, Kuruwita et al.

"Il risultato è entusiasmante poiché la ricerca della vita extraterrestre potrà disporre di numerosi nuovi strumenti estremamente potenti nei prossimi anni e ciò ci porta a voler comprendere come si formano i pianeti attorno a diversi tipi di stelle", ha detto il professor Jes Kristian Jørgensen, Niels Bohr Institute, Università di Copenaghen, capo del progetto. Lo studio, che ha coinvolto anche astronomi di Taiwan e degli Stati Uniti, è stato pubblicato sulla rivista Nature.

 

Tra ALMA e il computer

La nuova scoperta si basa sulle osservazioni dai telescopi ALMA (Atacama Large Millimeter/submillimeter Array) in Cile di una giovane stella binaria a circa 1.000 anni luce dalla Terra. Quest'ultima appartiene a un sistema stellare doppio, NGC 1333-IRAS2A, che è circondato da un disco costituito da gas e polvere.

NGC 1333-IRAS2A è ancora troppo giovane per aver formato pianeti ma le osservazioni hanno fornito un'istantanea sul grado di evoluzione del sistema che il team ha integrato con simulazioni al computer guardando nel passato e nel futuro.
"Le osservazioni ci consentono di ingrandire le stelle e studiare come la polvere e il gas si muovono verso il disco. Le simulazioni ci dicono quale fisica è in gioco e come le stelle si sono evolute fino all'istantanea che abbiamo osservato e la loro evoluzione futura ", ha spiegato Rajika L. Kuruwita, Niels Bohr Institute, secondo autore dell'articolo Nature.

I dati hanno mostrato che il movimento di gas e polvere non segue uno schema continuo. In alcuni momenti, in genere per periodi relativamente brevi da dieci a cento anni ogni mille anni, il movimento diventa molto forte. La stella binaria diventa da dieci a cento volte più luminosa, finché non torna al suo stato regolare. Presumibilmente, il modello ciclico può essere spiegato dallo status di dualità del sistema.
Le due stelle, infatti, orbitano una attorno all'altra a determinati intervalli e quindi, la loro gravità congiunta influenza il gas circostante e il disco di polvere facendo ricadere enormi quantità di materiale su di esse. Questo fenomeno causa un riscaldamento che, a sua volta, può innescare improvvisi brillamenti. "Queste esplosioni fanno a pezzi il disco di gas e polvere. E, mentre il disco si accumula di nuovo, le esplosioni possono ancora influenzare la struttura del successivo sistema planetario", ha detto Kuruwita.

E poi arrivano le comete

"È probabile che le comete svolgano un ruolo chiave nella creazione di possibilità per l'evoluzione della vita. Le comete hanno spesso un alto contenuto di ghiaccio con presenza di molecole organiche. Si può ben immaginare che le molecole organiche rimangano conservate nelle comete fino all'incontro con un pianeta sterile e che i successivi impatti possano introdurre le molecole sulla superficie del pianeta", ha detto Jes Kristian Jørgensen.

Comprendere il ruolo dei brillamenti è importante in questo contesto:
"Il riscaldamento causato dalle esplosioni attiverà l'evaporazione dei granelli di polvere e del ghiaccio che li circonda. E ciò potrebbe alterare la composizione chimica del materiale da cui si formano i pianeti".
"Le lunghezze d'onda coperte da ALMA ci consentono di vedere molecole organiche piuttosto complesse, quindi molecole con 9-12 atomi e contenenti carbonio. Tali molecole possono essere elementi costitutivi per molecole più complesse che sono fondamentali per la vita come la conosciamo".

Presto, il nuovo James Webb Space Telescope (JWST) si unirà alla ricerca della vita extraterrestre. Verso la fine del decennio, il JWST sarà integrato dall'ELT (European Large Telescope) e dal potentissimo SKA (Square Kilometer Array), entrambi previsti per iniziare le attività nel 2027. L'ELT con il suo specchio da 39 metri sarà il più grande telescopio nel mondo e osserverà le condizioni atmosferiche degli esopianeti. SKA sarà composto da migliaia di telescopi in Sud Africa e in Australia che lavoreranno in coordinamento a lunghezze d'onda più lunghe di ALMA.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 166 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 25 Maggio 2022 06:50

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento:6 luglio 2022

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 5 luglio ...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 1 luglio. Statistiche sull...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora