Scritto: Martedì, 24 Maggio 2022 12:45 Ultima modifica: Martedì, 24 Maggio 2022 12:47

Marte: le tempeste di polvere sono legate al bilanciamento energetico del pianeta


Marte è noto per le sue tempeste di sabbia stagionali, che a volte possono estendersi fino a coprire l'intero globo. Comprendere questi fenomeni e cosa li causa è fondamentale per garantire che le missioni robotiche alimentate a energia solare continuino a funzionare e che le future missioni con equipaggio possano rimanere al sicuro.

Rate this item
(2 votes)
Marte senza e con un'avvolgente tempesta di polvere globale.
Marte senza e con un'avvolgente tempesta di polvere globale.
Crediti: Jim Secosky/NASA/JPL/MSSS

Un recente studio, apparso su Proceedings of the National Academy of Sciences e condotto da ricercatori dell'Università di Houston, evidenzia come questi fenomeni potrebbero derivare da squilibri energetici stagionali nella quantità di energia solare assorbita e rilasciata dal pianeta. Tali risultati potrebbero portare a una nuova comprensione del clima e dell'atmosfera del Pianeta Rosso.

La ricerca è stata guidata da Ellen Creecy, Ph.D. del Dipartimento di Scienze della Terra e dell'Atmosfera (EAS) dell'Università di Houston, nell'ambito della sua tesi di dottorato.


Il bilancio dell'energia radiante

Questa è una metrica fondamentale per caratterizzare il clima e i cicli meteorologici di un pianeta e si riferisce alla quantità di energia solare che un oggetto assorbe dal Sole e irradia verso l'esterno sotto forma di calore.  Per questo studio il team ha combinato le osservazioni di più missioni come il Mars Global Surveyor (MGS), il rover Curiosity e il lander InSight. Ciò ha permesso loro di modellare il clima di Marte e stimare la quantità di energia emessa a livello globale in funzione della stagione, compresi i periodi in cui il pianeta è avvolto dalla polvere.

"Uno dei risultati più interessanti è che l'eccesso di energia, più energia assorbita che prodotta, potrebbe essere uno dei meccanismi che generano tempeste di polvere su Marte", ha affermato Creecy. I risultati hanno rivelato forti variazioni stagionali e giornaliere nella quantità di energia solare irradiata da Marte. In particolare, hanno trovato prove di un forte squilibrio energetico di circa il 15,3% tra le stagioni di Marte, rispetto allo 0,4% sulla Terra. Hanno inoltre scoperto che durante la tempesta di polvere del 2001 che ha circondato il pianeta, la quantità di energia emessa a livello globale è diminuita del 22% durante il giorno ma è aumentata del 29% durante la notte.

Come ha spiegato il dottor Germán Martínez, uno scienziato dell'USRA presso il Lunar and Planetary Institute (LPI) e coautore dell'articolo, in un recente comunicato stampa dell'USRA:
"I nostri risultati, che mostrano forti squilibri energetici, suggeriscono che gli attuali modelli numerici dovrebbero essere rivisitati, poiché in genere presuppongono che l'energia radiante di Marte sia bilanciata tra le stagioni marziane. Inoltre, i nostri risultati evidenziano la connessione tra tempeste di sabbia e squilibri energetici e quindi, possono fornire nuove informazioni sulla generazione di tempeste di sabbia su Marte”.

Combinati con i modelli numerici del clima di Marte, i risultati del team potrebbero migliorare la nostra comprensione del clima marziano e della circolazione atmosferica. Ciò sarà particolarmente importante per le future missioni con equipaggio, che la NASA e la Cina sperano di organizzare nel prossimo decennio. Inoltre, questi risultati potrebbero migliorare la nostra comprensione del clima terrestre predicendo come il nostro ambiente potrebbe comportarsi un giorno.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 151 volta/e Ultima modifica Martedì, 24 Maggio 2022 12:47

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento:4 luglio 2022

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 5 luglio ...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 1 luglio. Statistiche sull...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora