Scritto: Mercoledì, 18 Maggio 2022 05:01 Ultima modifica: Mercoledì, 18 Maggio 2022 07:09

Una pietra trovata in Egitto potrebbe essere la prima prova sulla Terra di una rara supernova


La chimica forense indica che la pietra chiamata Ipazia, proveniente dal deserto egiziano, potrebbe essere la prima prova tangibile trovata sulla Terra di un'esplosione di una supernova di tipo Ia, uno degli eventi più energetici dell'universo.

Rate this item
(3 votes)
Un campione di 3 grammi della pietra di Ipazia.
Un campione di 3 grammi della pietra di Ipazia.
Crediti: Romano Serra

Dette anche "candele standard", perché grazie alla loro luminosità costante possono essere utilizzate come fari per misurare le grandi distanze cosmologiche, queste supernove si generano dall'esplosione di una nana bianca. Una nana bianca è ciò che resta di una stella di massa medio-piccola che ha completato il suo ciclo vitale e al cui interno la fusione nucleare è cessata. Ora, dopo aver studiato la pietra extraterrestre di Ipazia, rinvenuta in Egitto nel 1996, gli scienziati pensano di aver trovato le prove di questo processo sulla Terra. Segni rivelatori, tra cui la composizione chimica e la struttura della roccia, suggeriscono che i frammenti contengano elementi della nuvola di polvere e gas che circonda una supernova. Nel corso di miliardi di anni, quel mix di polvere e gas si sarebbe trasformato in un solido, formando alla fine il corpo genitore da cui proviene Ipazia.

La scoperta è stata pubblicata sulla rivista Icarus, da Jan Kramers, Georgy Belyanin e Hartmut Winkler dell'Università di Johannesburg e altri autori.


La storia di Ipazia

Ci sono diversi modelli per spiegare la formazione di una supernova di tipo Ia. In questo studio, i ricercatori sono partiti dall'idea di un sistema binario. La loro ipotesi sull'origine di Ipazia inizia con una gigante rossa collassata in una nana bianca all'interno di una gigantesca nebulosa. La nana bianca, a sua volta, avrebbe inglobato la compagna, fino a esplodere come una supernova di tipo Ia all'interno della nuvola di polvere. Dopo il raffreddamento, gli atomi di gas rimasti della supernova Ia iniziarono ad attaccarsi alle particelle della nuvola di polvere, che non avrebbe mai interagito con altre nuvole cosmiche.
"In un certo senso, potremmo dire, abbiamo 'catturato' un'esplosione di supernova Ia 'sul fatto', perché gli atomi di gas dell'esplosione sono stati catturati nella nuvola di polvere circostante, che alla fine ha formato il corpo genitore di Ipazia", ha affermato  Kramers.

Dopo milioni di anni, questa bolla sarebbe diventata "solida" come la roccia, il "corpo genitore" di Ipazia.

Questo processo è probabilmente avvenuto in una parte esterna fredda e tranquilla del nostro Sistema Solare, nella nuvola di Oort o nella fascia di Kuiper, dicono gli autori.

Quando questo oggetto speciale arrivò a precipitare sulla Terra, il calore dell'ingresso atmosferico e il calore del Grande Mare di Sabbia nel sud-ovest dell'Egitto, crearono microdiamanti e fratturarono la roccia madre.
La pietra di Ipazia raccolta nel deserto deve essere uno dei tanti frammenti originati dallo stesso impattatore. O almeno, questa è la migliore spiegazione che il team ha potuto trovare. Dei 15 elementi analizzati nella pietra, molti corrispondono a ciò che ci si aspetterebbe se l'oggetto fosse originato da una densa esplosione di una nana bianca. Ma il caso non è chiuso

Ipazia era già stata analizzata in precedenza.
Nel 2013, uno studio sugli isotopi dell'argon ha mostrato che la roccia non si è formata sulla Terra e doveva essere extraterrestre.
Uno studio del 2015 sui gas nobili nel frammento ha indicato che potrebbe non provenire da nessun tipo noto di meteorite o cometa.
Nel 2018 il team dell'Università di Johannesburg ha pubblicato varie analisi, tra cui la scoperta di un minerale, il fosfuro di nichel, mai trovato in nessun oggetto del nostro Sistema Solare.


Le pecore nere

Sei elementi contenuti in Ipazia non corrispondono ai modelli di supernova di tipo Ia: alluminio, fosforo, cloro, potassio, rame e zinco. Ma anche così, lo studio potrebbe reggere.
"Dato che una stella nana bianca è formata da una gigante rossa morente, Ipazia potrebbe aver ereditato queste proporzioni da una stella gigante rossa", ha detto Kramers. "Questo fenomeno è stato osservato nelle stelle nane bianche in altre ricerche".

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 309 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 18 Maggio 2022 07:09

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento:4 luglio 2022

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 5 luglio ...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 1 luglio. Statistiche sull...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora