Scritto: Sabato, 14 Maggio 2022 06:13 Ultima modifica: Sabato, 14 Maggio 2022 06:25

I vulcani potrebbero aver ucciso Venere: cosa potrebbe succedere alla Terra?


Una recente ricerca suggerisce che i vulcani su Venere avrebbero avuto un ruolo importante nella creazione dell'effetto serra incontrollato che ora avvolge il pianeta.

Rate this item
(2 votes)
Maat Mons, un enorme vulcano a scudo di Venere, ricreato al computer con le immagini della sonda Magellan della NASA.
Maat Mons, un enorme vulcano a scudo di Venere, ricreato al computer con le immagini della sonda Magellan della NASA.
Crediti: NASA

Sulla Terra, il team di ricercatori ha studiato le Grandi Province Ignee (LIP, acronimo di Large Igneous Province), enormi depositi di roccia magmatica sparsi in tutto il mondo. Si formano quando la crosta terrestre si apre o perché le placche tettoniche divergono o quando i pennacchi del mantello risalgono in superficie. Durante la formazione di una LIP, tonnellate di gas serra vengono rilasciati nell'atmosfera, alterando drasticamente il clima. La formazione dura in genere circa cinque milioni di anni e ha impatti importanti sull'ambiente. Il processo devastante potrebbe anche essere collegato a più eventi di estinzione di massa rispetto a quelli generati da comete o asteroidi che hanno colpito la superficie terrestre.

Studiare questa storia sul nostro mondo è complicato perché la tettonica a placche ridisegna continuamente il paesaggio. Ma anche se l'attuale superficie terrestre ha solo circa 500 milioni di anni, i geologi sono stati in grado di scoprire i resti di LIP sepolti in profondità nella crosta.

Secondo la ricerca, pubblicata di recente su The Planetary Science Journal, le singole LIP sembrano essere casuali. Non esiste cioè un motivo che possa innescare la formazione di più LIP insieme ma possono accadere entro un milione di anni l'una dall'altra, che è più breve della durata dell'impatto di uno solo evento. Inoltre, presumibilmente, un singolo evento di formazione di LIP non altera permanentemente il sistema climatico, perché la Terra ha sperimentato la formazione di diverse Grandi Province Ignee e, fortunatamente, ha ancora un clima stabile. Tuttavia, una singola formazione può aumentare drasticamente la temperatura dell'atmosfera attraverso l'effetto serra.


E su Venere?

Più eventi di formazione LIP simultanei possono distruggere completamente un pianeta.
Se troppi gas serra fuoriescono nell'atmosfera, si può innescare un "effetto fuga". E se l'atmosfera intrappola troppo calore, gli oceani iniziano ad evaporare. Con più acqua nell'atmosfera, il calore intrappolato aumenta ancora, riscaldando ulteriormente gli oceani. Il ciclo va avanti all'infinito, portando infine alla "morte termica" di un mondo temperato.

Ovviamente la Terra ha evitato questo destino ma solo per miracolo, secondo la ricerca. Se si fossero formati troppi LIP contemporaneamente, il nostro clima avrebbe potuto diventare eccessivo. Forse allora questo è quello che è successo al nostro pianeta gemello, Venere, dove l'attività vulcanica sarebbe stata molto attiva in passato (e forse lo è tutt'ora).

Se Venere avesse sperimentato troppi LIP contemporaneamente, si sarebbe potuto innescare quell'effetto serra incontrollato che oggi rende il mondo inospitale.
Con il crescente interesse per Venere e le sonde spaziali che nel prossimo futuro esploreranno il pianeta, la verità potrebbe emergere presto.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 172 volta/e Ultima modifica Sabato, 14 Maggio 2022 06:25

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 23 Maggio 2022.

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 23 maggio. Statistiche sul...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 19 Maggio. ...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora