Scritto: Martedì, 07 Gennaio 2014 05:32 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

KOI-314c, una palla di gas delle dimensioni della Terra


Un nuovo stravagante esopianetaKOI-314c, è stato scoperto dagli astronomi a 200 anni luce da noi.
Ha all'incirca la stessa massa della Terra ma è molto più caldo e gassoso: la sua atmosfera è talmente densa tanto da renderlo il 60 per cento più grande.

Rate this item
(0 votes)

Pianeta extrasolare koi314c

Credit: C. Pulliam & D. Aguilar (CfA)

Un nuovo stravagante esopianetaKOI-314c, è stato scoperto dagli astronomi a 200 anni luce da noi.
Ha all'incirca la stessa massa della Terra ma è molto più caldo e gassoso: la sua atmosfera è talmente densa tanto da renderlo il 60 per cento più grande.

"Questo pianeta potrebbe avere la stessa massa della Terra, ma non è certo simile alla Terra", afferma l'autore principale dello studio David Kipping del Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics (CfA).
"Ciò dimostra che non esiste una chiara linea di demarcazione tra i mondi rocciosi come il nostro e i pianeti soffici come i mondi d'acqua o i giganti gassosi".

Il nuovo pianeta si aggiunge alla lunga lista di conquiste del telescopio della NASA Kepler e la sua scoperta è stata annunciata il 6 gennaio in occasione dell'American Astronomical Society a Washington.

KOI-314c è il primo mondo con una massa come la Terra scoperto grazie al metodo del transito a vantare sia massa che dimensioni note.

Il pianeta orbita intorno alla sua stella madre, una nana rossa, in 23 giorni.
La sua temperatura superficiale è di 104 gradi Celsius, il che lo rende piuttosto inospitale per la vita come la conosciamo.
E' circondato da un'atmosfera di idrogeno ed elio, spessa centinaia di chilometri.

KOI-314c ha un pianeta fratello chiamato KOI-314b, che completa un'orbita in 13 giorni, utilizzato dagli scienziati per calcolare la massa del nuovo mondo attraverso gli effetti gravitazionali (Transit Timing Variations TTV).

Kipping e il suo team hanno scoperto KOI-314C per caso, mentre stavano analizzando i dati di Kepler alla ricerca di esolune.

Letto: 2326 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 19 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista