Scritto: Mercoledì, 20 Aprile 2022 05:25 Ultima modifica: Mercoledì, 20 Aprile 2022 06:29

Europa: un ottimo candidato per la vita


Il guscio ghiacciato che custodisce l'oceano sotterraneo di Europa potrebbe non essere una barriera al campionamento ma potrebbe esso stesso costituire un sistema dinamico e un habitat per i microrganismi.

Rate this item
(2 votes)
Europa: un ottimo candidato per la vita
Crediti: Justice Blaine Wainwright

Le osservazioni radar attraverso il ghiaccio in Groenlandia, infatti, hanno catturato una formazione caratteristica a "doppia cresta" presente anche su Europa, suggerendo che il guscio della luna di Giove potrebbe avere un'abbondanza di sacche d'acqua molto simili.
"Poiché è più vicino alla superficie, dove si ottengono sostanze chimiche interessanti dallo spazio, da altre lune e dai vulcani di Io, c'è la possibilità che la vita abbia una possibilità se ci sono sacche d'acqua nel guscio", ha detto l'autore dello studio pubblicato su Nature Dustin Schroeder, professore associato di geofisica presso la School of Earth, Energy & Environmental Sciences (Stanford Earth) della Stanford University. "Se il meccanismo che vediamo in Groenlandia si ripete su Europa, suggerisce che c'è acqua ovunque".


L'analogo terrestre

Sulla Terra, i ricercatori analizzano le regioni polari utilizzando strumenti geofisici aerotrasportati per capire come la crescita e il ritiro delle calotte glaciali potrebbero influire sull'innalzamento del livello del mare. In particolare si concentrano sulla terraferma dove il flusso delle calotte glaciali è soggetto a un'idrologia complessa, come laghi subglaciali dinamici, stagni di fusione superficiale e condotti di drenaggio stagionale, che contribuiscono all'incertezza nelle previsioni. Poiché un sottosuolo terrestre è così diverso dall'oceano sotterraneo di acqua liquida di Europa, gli autori dello studio sono rimasti sorpresi quando, assistendo alla presentazione di un altro gruppo di ricerca, hanno notato che le formazioni che striano la luna ghiacciata sembrano estremamente simili a una caratteristica minore sulla superficie della calotta glaciale della Groenlandia.

Dopo un ulteriore esame, hanno scoperto che la cresta a forma di "M" in Groenlandia, nota come doppia cresta, potrebbe essere una versione in miniatura della caratteristica più importante di Europa.

Le doppie creste su Europa appaiono come squarci drammatici sulla superficie ghiacciata della luna, con punti che raggiungono quasi 300 metri di altezza, separati da valli larghe quasi un chilometro
Gli scienziati sono a conoscenza di queste caratteristiche da quando la superficie lunare è stata fotografata dalla navicella spaziale Galileo negli anni '90 ma non sono stati in grado di concepire una spiegazione definitiva di come si fossero formate.

Attraverso l'analisi dei dati di elevazione della superficie e del radar di penetrazione raccolti tra il 2015 e il 2017 dall'operazione IceBridge della NASA, i ricercatori hanno rivelato come è stata prodotta la doppia cresta nella Groenlandia nord-occidentale quando il ghiaccio si è fratturato attorno a una sacca di acqua liquida pressurizzata che si stava ricongelando all'interno del calotta glaciale, provocando la formazione di due picchi nella forma distinta.

"In Groenlandia, questa doppia cresta si è formata in un luogo in cui l'acqua proveniente dai laghi e dai corsi d'acqua superficiali spesso defluisce nella superficie vicina e si ricongela", ha affermato l'autore principale dello studio Riley Culberg, Ph.D. in ingegneria elettrica a Stanford. "In modo simile, sacche di acque poco profonde potrebbero formarsi su Europa grazie all'acqua proveniente dall'oceano sotterraneo che viene spinta nel guscio di ghiaccio a causa di fratture e ciò suggerirebbe che potrebbe esserci una ragionevole quantità di scambio con l'interno".

doppia cresta

a) Doppia cresta di Europa in una immagine della missione Galileo (PIA00589); b) Doppia cresta della Groenlandia in un'immagine del satellite WorldView-3 presa a luglio 2018.
Crediti: Culberg Et al.

 

Un guscio complesso

Piuttosto che comportarsi come un blocco di ghiaccio inerte, il guscio di Europa sembra subire una varietà di processi geologici e idrologici, un'idea supportata da questo studio e altri, inclusa la prova di pennacchi d'acqua che eruttano in superficie.
Un guscio di ghiaccio dinamico supporta l'abitabilità poiché facilita lo scambio tra l'oceano sotterraneo e i nutrienti provenienti dai corpi celesti vicini accumulati in superficie.

Ora, "stiamo facendo un passo molto più grande nella direzione della comprensione di quali processi effettivamente dominano la fisica e la dinamica del guscio di ghiaccio di Europa", ha detto il coautore dello studio Gregor Steinbrügge, scienziato planetario presso il Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA.

"Il meccanismo che abbiamo proposto in questo documento sarebbe stato quasi troppo audace e complicato da presentare senza vederlo prima visto in Groenlandia", ha detto Schroeder. Seguendo l'esempio terrestre, il radar penetrante a bordo della prossima missione Europa Clipper potrà cercare quella firma caratteristica della "doppia cresta" già vista in Groenlandia.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 171 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 20 Aprile 2022 06:29

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 23 Maggio 2022.

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 23 maggio. Statistiche sul...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 19 Maggio. ...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora