Scritto: Sabato, 21 Dicembre 2013 08:13 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Hubble: nessuna traccia della cometa ISON nel post perielio


Il 18 dicembre, come promesso, il telescopio spaziale Hubble ha provato a cercare la cometa ISON un'ultima volta ma senza successo.

La delusione, però, non è stata troppa.
Dal 28 novembre scorso, infatti, quando la cometa ha affrontato il perielio, le speranze di poterla ancora seguire nei cieli erano andate progressivamente svanendo.

Rate this item
(0 votes)

Hubble riprende la cometa ISON nel post perielio

Credit: NASA / ESA

Il 18 dicembre, come promesso, il telescopio spaziale Hubble ha provato a cercare la cometa ISON un'ultima volta ma senza successo.

La delusione, però, non è stata troppa.
Dal 28 novembre scorso, infatti, quando la cometa ha affrontato il perielio, le speranze di poterla ancora seguire nei cieli erano andate progressivamente svanendo.

Gran parte della ISON sembrava perduta ancor prima di aver raggiunto il punto più vicino al Sole e quel che era sopravvissuto al passaggio, un piccolo nucleo o solo di alcuni frammenti, è andato dissipandosi nei giorni successivi.

L'immagine in apertura è un mosaico delle ultime osservazioni del telescopio spaziale Hubble.
Tracce di galassie, stelle, riflessioni generate all'interno della fotocamera ma niente che assomigli lontanamente alla ISON o a qualche suo residuo.
Ciascun quadrante è il risultato di due esposizioni: se qualcosa della cometa fosse rimasto allora sarebbe apparso nello stesso punto almeno in due scatti distinti.

Hubble ha anche provato a riprendere immagini con esposizioni diverse, rendendo le stelle come deboli striature per cercare di scovare possibili frammenti.

Hubble cerca la ISON nel post perielio

Credit: NASA / ESA

Hubble cerca la ISON nel post perielio

Credit: NASA / ESA

C'è da dire, comunque, che qualche incertezza rimane.
La direzione di puntamento del telescopio, per esempio, è stata prevista dall'astronomo Hal Weaver tramite gli ultimi dati disponibili, in base ai quali sono state ricavate due possibilità.
Il Dr. Weaver ha anche stimato che gli oggetti più deboli ripresi da Hubble in queste foto, sarebbero stati di magnitudine 25 e questo significa che il telescopio avrebbe potuto vedere frammenti più grandi di 160 metri.
Non è possibile, quindi, escludere categoricamente che qualche residuo della ISON esista ancora. D'altra parte frammenti della cometa sono rimasti visibili per molti giorni dopo il perielio: quel materiale potrebbe ancora esistere.

 

Letto: 4691 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

1 commento

  • Comment Link Guadalupe Aguado Lunedì, 23 Dicembre 2013 05:36 posted by Guadalupe Aguado

    Deseo enterarme de lo mas extraordinario que pasa en el universo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 17 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista