Scritto: Mercoledì, 16 Marzo 2022 05:47 Ultima modifica: Mercoledì, 16 Marzo 2022 06:29

Una piccola stella ha sprigionato un enorme raggio di materia e antimateria


Gli astronomi hanno ripreso un raggio di materia e antimateria lungo 65 trilioni di chilometri con l'Osservatorio a raggi X Chandra della NASA. Il raggio record è alimentato da una pulsar, una stella collassata in rapida rotazione con un forte campo magnetico.

Rate this item
(2 votes)
Una piccola stella ha sprigionato un enorme raggio di materia e antimateria
Crediti: NSF/AURA/Gemini Consortium

Gli scienziati hanno scoperto questo filamento, per la prima volta, nel 2020 ma non ne conoscevano ancora l'intera lunghezza. Le nuove osservazioni di Chandra effettuate dalla stessa coppia di ricercatori a febbraio e novembre 2021, mostrano che il raggio è circa tre volte più lungo della porzione vista inizialmente. È il più lungo mai osservato dalla Terra e appare estendersi nel cielo per circa la metà del diametro della Luna piena.

La stella è una pulsar chiamata PSR J2030+4415 o J2030 che si trova a circa 1.600 anni luce dalla Terra, ha un diametro di circa 20 chilometri e sta sfrecciando nello spazio a una velocità vertiginosa di circa 450 chilometri al secondo.

"È incredibile che una pulsar larga solo 20 chilometri possa creare una struttura così grande da poterla vedere da migliaia di anni luce di distanza", ha affermato Martijn de Vries della Stanford University di Palo Alto, che ha guidato lo studio. "Con la stessa dimensione relativa, se il filamento si estendesse da New York a Los Angeles, la pulsar sarebbe circa 100 volte più piccola del più piccolo oggetto visibile ad occhio nudo".

Questo risultato potrebbe fornire nuove informazioni sulla fonte dell'antimateria della Via Lattea.

chandra pulsar antimateria

Crediti: NASA/CXC/Stanford Univ./M. de Vries

Piccola ma potente

Le pulsar sono un tipo di stella di neutroni, i nuclei collassati di stelle che avevano una massa della sequenza principale compresa tra circa 8 e 30 volte quella del Sole.
Sono super dense, con potenti campi magnetici. Una pulsar ha anche un'elevata velocità di rotazione. J2030 gira circa tre volte al secondo, che non è nemmeno il massimo di quello che una pulsar riesce a fare.

Queste stelle emettono venti di particelle cariche che di solito rimangono confinate nel loro campo magnetico.
Tuttavia, poiché J2030 sta sfrecciando nello spazio, il vento stellare viene trascinato come fosse una coda. Davanti si forma un arco d'urto, il quale però potrebbe essere stato raggiunto e colpito dalla stella stessa due o tre decenni fa.

"Questo probabilmente ha innescato una perdita di particelle", ha spiegato l'astronomo Roger Romani della Stanford University.
"Il campo magnetico del vento della pulsar si è collegato al campo magnetico interstellare e gli elettroni e i positroni ad alta energia sono schizzati fuori attraverso un ugello formato dalla connessione".

Le particelle che fuoriescono dal vento pulsar sembrano essere state accelerate lungo questa linea del campo magnetico interstellare a velocità di circa un terzo della velocità della luce. Questo fa sì che il raggio si illumini intensamente nei raggi X, osservati da Chandra.

La stragrande maggioranza dell'Universo è costituita da materia ordinaria piuttosto che da antimateria. Gli scienziati, tuttavia, continuano a trovare prove di un numero relativamente elevato di positroni con gli osservatori terrestri. Questa stella potrebbe far luce su una delle possibili fonti.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 239 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 16 Marzo 2022 06:29

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento:5 luglio 2022

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 5 luglio ...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 1 luglio. Statistiche sull...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora