Scritto: Venerdì, 04 Febbraio 2022 15:00 Ultima modifica: Venerdì, 04 Febbraio 2022 13:34

L'acqua della Terra è più antica della Terra


Una nuova ricerca suggerisce che l'acqua liquida che rende il nostro pianeta così speciale, era già nel Sistema Solare prima che la Terra si formasse.

Rate this item
(2 votes)
L'acqua della Terra è più antica della Terra
Crediti: NASA/Reid Wiseman (@astro_reid)

Il nostro mondo è tuttora l'unico conosciuto per ospitare la vita e l'unico su cui si può trovare acqua liquida in abbondanza sopra e sotto la superficie. Ancora non sappiamo esattamente come la vita sia emersa ma una cosa è certa: la vita come la conosciamo sul nostro pianeta non esisterebbe senza l'acqua.

Ora, secondo un team guidato dal geochimico Jérôme Aléon del Museo Nazionale di Storia Naturale francese, gli isotopi dell'acqua trovati in un meteorite, che risale alla nascita del Sistema Solare, corrispondono agli isotopi dell'acqua che si trovano oggi sulla Terra.

"La composizione isotopica iniziale dell'acqua nel Sistema Solare è di fondamentale importanza per comprendere l'origine dell'acqua sui corpi planetari ma rimane sconosciuta, nonostante numerosi studi", scrivono i ricercatori nel loro articolo.  "Qui utilizziamo la composizione isotopica dell'idrogeno nelle inclusioni ricche di calcio e alluminio (CAI) da meteoriti primitivi, le rocce più antiche del Sistema Solare, per stabilire la composizione isotopica dell'idrogeno dell'acqua all'inizio della formazione del Sistema Solare".

I meteoriti primitivi

Quando è nato il Sole, parte del materiale contenuto nella nebulosa solare ha iniziato ad aggregarsi formando pianeti, asteroidi, comete e altri corpi minori. Molti di essi sono più antichi della Terra che ha 4,54 miliardi di anni, secondo la datazione radiometrica. Alcuni meteoriti, caduti sul nostro pianeta appartengono a questa classe di oggetti e possono fungere da vere e proprie capsule del tempo. Tuttavia, l'intero processo di accrescimento di solito riscalda e modifica i materiali primordiali in forme che cancellano ogni traccia originale. Perciò l'analisi del contenuto d'acqua in questi reperti è stata una vera e propria sfida.

Il meteorite Efremovka, trovato in Kazakistan nel 1962, ha elementi che risalgono a 4,57 miliardi di anni fa poco alterati. Ed è qui che si sono concentrate le ricerche di Aléon e colleghi .

Storia dell'acqua

Per misurare il contenuto d'acqua del meteorite, il team ha utilizzato l'imaging a fascio ionico focalizzato (FIB) per identificare e sondare tutti i minerali nel campione e ha confrontato i risultati con otto materiali di riferimento terrestri aventi un'ampia gamma di contenuto d'acqua. Quindi, è stato esaminato il rapporto tra gli isotopi dell'idrogeno nel meteorite. 

Gli isotopi sono varianti di un elemento con un diverso numero di neutroni; il deuterio, noto anche come idrogeno pesante, ha un protone e un neutrone. Il protio, o idrogeno leggero, ha un protone e nessun neutrone.
Poiché l'idrogeno è uno dei componenti dell'acqua, il rapporto di questi due isotopi nelle rocce può raccontarci la storia dell'acqua a cui è stata esposta la roccia. Ad esempio, il protio è l'isotopo dell'idrogeno dominante qui sulla Terra, mentre su Marte è il deuterio, suggerendo che forse il protio è stato strappato via dal pianeta con qualche processo.

Il racconto di Efremovka

I minerali e le proporzioni nel meteorite Efremovka hanno rivelato che, nei primi 200.000 anni di storia del nostro Sistema Solare, prima che si formassero i planetesimi (cioè i semi dei pianeti), esistevano due grandi giacimenti di gas. Uno di questi serbatoi conteneva il gas solare da cui è condensata la materia che compone oggi i corpi del Sistema Solare. L'altro, secondo il team, era ricco di acqua. Quest'acqua probabilmente proveniva da un massiccio afflusso di materiale interstellare caduto verso l'interno del Sistema Solare al momento del collasso dell'involucro protostellare.

L'acqua di Efremovka è molto simile a quella terrestre nella composizione isotopica e ciò suggerisce l'acqua presente oggi sul nostro pianeta era presente nel primo Sistema Solare sin dall'inizio, prima ancora che la Terra si formasse.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 1764 volta/e Ultima modifica Venerdì, 04 Febbraio 2022 13:34

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 28 giugno 2022

StatisticaMENTE

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 28 giugno. Reboost! ...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 21 giugno. Statistiche sul...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora