Scritto: Giovedì, 03 Febbraio 2022 12:45 Ultima modifica: Giovedì, 03 Febbraio 2022 13:49

Prove di un antico impatto estremo su Marte


I ricercatori della Curtin University che studiano i meteoriti marziani hanno trovato le prime prove di un impatto estremo con un asteroide, che potrebbero cambiare la storia dell'abitabilità di Marte.

Rate this item
(2 votes)
Back Beauty
Back Beauty
Institute of Meteoritics, UNM

In un famoso meteorite chiamato NWA 7034, noto come "Black Beauty", gli scienziati hanno scoperto un cristallo scioccato dello zircone, che ha le stesse caratteristiche viste sulla Terra, solo nei grandi bacini da impatto.

Black Beauty è uno dei meteoriti marziani più antichi scoperti sulla Terra. La roccia, da 320 grammi, è stata scoperta nel 2011 nel deserto del Sahara in Marocco e segnalata per la prima volta nel 2013. Si stima che contenga più acqua di qualsiasi meteorite marziano conosciuto. Non rientra in nessuna delle tre categorie SNC (Shergottiti, Nakhliti, Chassigniti) ma è definito come "breccia basaltica".

L'autore principale dello studio, Morgan Cox, dottorando presso lo Space Science and Technology Center (SSTC) della Curtin, ha descritto il meteorite come un insieme di frammenti di roccia e minerali rotti, per lo più basalto, che si sono solidificati e sono diventati un'unica roccia. Uno zircone trovato all'interno del meteorite conserva le prove dei grandi shock che si verificano solo durante i grandi impatti. Alcuni parti di questo meteorite risalgono a 4,45 miliardi di anni, cioè hanno quasi l'età del pianeta stesso.
Questi recenti risultati potrebbero avere importanti implicazioni sull'abitabilità del pianeta.

"La deformazione da shock ad alta pressione non è stata precedentemente trovata in nessun minerale di Black Beauty. Questa scoperta di danni da shock in uno zircone marziano di 4,45 miliardi di anni fornisce nuove prove dei processi dinamici che hanno influenzato la superficie del primo Marte", ha detto Cox.

Riscrivere la storia

l primo Sistema Solare era un luogo molto selvaggio e caotico in cui i pianeti interni furono pesantemente colpiti da impatti di asteroidi.
L'assenza complessiva di danni da shock negli zirconi di NWA 7034, finora, veniva considerata la prova che l'intenso periodo di bombardamento su Marte era diminuito già circa 4,48 miliardi di anni fa e, di conseguenza, il pianeta sarebbe potuto diventare abitabile abbastanza presto.

Ma Cox e il suo team hanno guardato 66 grani di zircone di Back Beauty molto più da vicino, eseguendo la mappatura della diffrazione da retrodiffusione elettronica (una tecnica usata per esaminare l'orientamento cristallografico di parecchi materiali) e l'imaging della catodoluminescenza. Tra questi, uno, risalentea 4,45 miliardi di anni fa, mostrava le prove di un impatto enorme.

"Il tipo di danno da shock nello zircone marziano è stato segnalato in tutti i maggiori siti di impatto sulla Terra, incluso quello in Messico che ha ucciso i dinosauri, così come sulla Luna, ma non in precedenza da Marte", ha detto Cox.

In tutti i minerali, gli atomi sono disposti in una struttura reticolare tridimensionale simmetrica, sebbene la forma di questa griglia possa assumere pattern diversi da minerale a minerale. Quando viene applicata una pressione sufficientemente alta, da 20 a 30 gigapascal, come quella che generata nei più grandi impatti di asteroidi, la struttura del reticolo cambia. In pratica, i cristalli possono avvicinarsi a tal punto che finiscono per condividere alcuni dei punti sui loro reticoli cristallini.

Sebbene il team abbia trovato questa forma di "gemellaggio" solo in uno dei loro cristalli di zircone, quel cristallo suggerisce un processo di formazione simile a quello che abbiamo visto qui sulla Terra, che coinvolge l'alta pressione, probabilmente a causa dell'impatto di un asteroide. Questo, hanno detto i ricercatori, indica che su Marte deve essersi verificato un pesante bombardamento almeno 30 milioni di anni dopo la stima precedente. E questo, a sua volta, implica che Marte potrebbe non essere stato adatto alla vita fino a quel momento e anche in una manciata di anni a venire.

"Studi precedenti sullo zircone nei meteoriti marziani hanno proposto che condizioni adatte alla vita potevano esistere già 4,2 miliardi di anni fa, sulla base dell'assenza di danni da shock ", afferma il geologo e geochimico planetario Aaron Cavosie della Curtin University. Ma ora sappiamo che il pianeta "era soggetto a bombardamenti da impatto dopo questo periodo, su una scala nota per causare estinzioni di massa sulla Terra. Lo zircone che descriviamo fornisce prove di tali impatti ed evidenzia la possibilità che la finestra di abitabilità possa essersi aperta più tardi di quanto si pensasse, forse in comcomitanza con le prove di acqua liquida da 3,9 a 3,7 miliardi di anni fa".

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 405 volta/e Ultima modifica Giovedì, 03 Febbraio 2022 13:49

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno" (segui su LinkedIn le mie attività professionali).
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 novembre 2022

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 16 novembre. Statistiche s...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB